Notifiche Facebook Messenger


 
 
Un articolo a caso


Il miracolo della presenza mentale e il tè al Fior di loto (Nelumbo)

 
Il miracolo della presenza mentale e il tè al Fior di loto (Nelumbo)
Il miracolo della presenza mentale e il tè al Fior di loto (Nelumbo)
Il miracolo della presenza mentale e il tè al Fior di loto (Nelumbo)

 
Il libro e il te
 

Titolo libro: Il miracolo della presenza mentale
 
Autore: Thich Nhat Hanh (traduzione di L. Baglioni)
 
Tè (o infuso): Tè verde al Fior di loto
 
Genere:
 
Voto libro
 
 
 
 
 


 
Voto tè
 
 
 
 
 


 
Punteggio totale
 
 
 
 
 
4.5/5


Voto degli utenti
2 Voti totali

 

Aspetti positivi


Un classico, ormai, che ci aiuta a comprendere meglio noi stessi e ci fa confrontare con un'altra visione della vita. Una visione che credo ci manchi.


In sintesi

“Il miracolo della presenza mentale” è una lettera scritta dall’esilio da Thich Nhat Hanh, di facile comprensione anche per i profani come me. Lo abbino al te al Fior di loto.

0
pubblicatosabato, 17 gennaio 2015 da

 
Il nostro abbinamento
 
 

Il miracolo della presenza mentale e il tè al Fior di loto (Nelumbo)Tra i buoni propositi per il nuovo anno ho inserito quello di cambiare vita. Di scrivere di più e di cambiare vita. Cercando di trovare un equilibrio interiore che raramente ho conosciuto. Da dove cominciare questo percorso? Mi hanno suggerito un classico: Il miracolo della presenza mentale. Un manuale di meditazione di Thich Nhat Hanh.

Sulle prime ho scrutato il volume con un po’ di sospetto. Ho frequentato persone che si buttavano su qualsiasi testo proveniente dall’oriente, in modo indiscriminato e senza verificarne gli autori. Poi ho preso atto della mia abissale ignoranza.

Thich Nhat Hanh (classe 1926) è un monaco buddista vietnamita, che durante la guerra in Vietnam aveva fondato i Piccoli corpi di pace, monaci che portavano assistenza ovunque ve ne fosse bisogno e che costruivano e ricostruivano ospedali, scuole, case, indipendentemente dalla fazione di appartenenza. Esiliato, ha vissuto in Francia e solo quasi quarant’anni dopo, nel 2005, ha potuto rivedere il suo paese.

Il miracolo della presenza mentale non è altro che una lettera scritta dall’esilio e che, pur essendo diretta a un altro monaco, è di facile comprensione anche per noi profani. Il nucleo principale della riflessione è appunto il percorso per raggiungere la presenza mentale in ogni attimo della vita. Al termine del libro anche una serie di esercizi e la testimonianza di un amico di Thich Nhat Hanh.

Questa volta abbinerò al libro un tè che non ho mai assaggiato, ma che mi impegnerò a cercare: il tè verde al Fior di loto (Nelumbo). Il Vietnam era un grande produttore di tè, circa duecento anni fa. La guerra ha devastato le coltivazioni e solo da qualche anno è ricominciata una produzione importante, anche sui mercati esteri.

Mi ha incuriosito il fatto che la tecnica per realizzare questo tipo di tè consiste nel depositare una piccola quantità di foglie di tè all’interno del fiore maturo. Una tecnica antica e oserei dire poetica, che verrà sostituita da tecniche più moderne e più consone al mercato1)Veronica Latino, Il tè vietnamita ai fiori di loto, Wall Street International, 18 gennaio 2013..

All’ora di pranzo preparatevi da mangiare. Cucinate il pasto e lavate i piatti con consapevolezza. Al mattino, dopo aver pulito e rassettato la casa, e nel pomeriggio, dopo aver lavorato in giardino, contemplato le nuvole o raccolto i fiori, preparatevi un tè da gustare con consapevolezza. Concedetevi tempo in abbondanza. Non bevetelo come si ingolla una tazzina di caffè durante una pausa dal lavoro. Bevete il vostro tè lentamente e con reverenza, come se fosse l’asse su cui ruota l’universo intero: lentamente, con calma, senza anticipare il futuro.

Il miracolo della presenza mentale e il tè al Fior di loto (Nelumbo)

Foto | Shin-改 (Shin-改’s file) [Public domain], via Wikimedia Commons

Note   [ + ]

1.Veronica Latino, Il tè vietnamita ai fiori di loto, Wall Street International, 18 gennaio 2013.







Potrebbe interessarti anche…

Giulia Greco

 
Giulia Greco scrive da sempre, ma pubblica da poco. Passa il tempo libero leggendo, curiosando nei musei, passeggiando, seguendo le serie tv. Non dice molto di sé, ma si è lasciata convincere ad aprire un blog e a trovarsi un posticino nei social. Collabora felicemente con Lazy Book e Graphe.it.


0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)