Un articolo a caso


Il piccolo principe e il Moscato Rosa di Franz Haas

 

 
Il libro e il vino
 

Titolo libro: Il piccolo principe
 
Autore: Antoine de Saint-Exupéry
 
Nome vino: Moscato Rosa di Franz Haas
 
Genere: ,
 
Voto libro
 
 
 
 
 


 
Voto vino
 
 
 
 
 


 
Punteggio totale
 
 
 
 
 
4.5/5


Voto degli utenti
6 Voti totali

 

Aspetti positivi


Il libro è un delicato racconto con mille sfumature e il moscato rosa è una rarità enologica.

Aspetti negativi


Per il vino può essere negativa solo la sua naturale dolcezza per quanti non la amano; per il libro si può correre il rischio dinon leggere tra le righe e perdere, così, l'essenza del tutto.


In sintesi

Il piccolo principe può essere ben abbinato al Moscato Rosa di Franz Haas, proprio per la duplice chiave di lettura sia del libro che di questo vino.

0
pubblicatosabato, 6 aprile 2013 da

 
Il nostro abbinamento
 
 

Il piccolo principeIl piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry narra di un bambino principe che parte dal suo piccolo mondo, alla volta di pianeti sconosciuti. Questo viaggio gli farà scoprire la cecità degli adulti rispetto alle cose che contano davvero come conoscere le persone, stringere rapporti di amicizia duratura con esseri diffidenti per natura, e come l’unicità di un sentimento possa rendere speciale un fiore altrimenti comune.

Libro adatto certamente ai bambini, diventa fondamentale per gli adulti che spesso non riescono a coglierne le sfumature sottili, ma chiare come la luce del sole. Un libro che per quanto sia facile afferrare mi dà sempre la sensazione di aver tralasciato qualcosa: forse perché l’essenziale è invisibile agli occhi!

Il Moscato Rosa di Franz Haas

Pensando a questo libro e alle sue caratteristiche mi viene in mente un vino dolce in particolare: il Moscato Rosa di Franz Haas, proprio per la sua duplice chiave di lettura. Vino dolce, quindi per un certo verso molto facile e immediato, ma anche delicato e forte, coinvolgente e intrigante, con note sottili che arrivano in un secondo momento poiché coperte dalla dolcezza e se non si presta attenzione non percepibili affatto, anche se sono lì.

Il piccolo principe e il Moscato Rosa di Franz HaasUn vino dal colore insolito per la sua categoria. Normalmente si è abituati a vedere colori che vanno dal giallo intenso, all’oro, fino ad arrivare all’ambrato. Questo vino invece è rosa porpora, se mi si permette questa definizione di colore. Seducente già all’esame visivo, si schiude al naso con note delicate di lampone maturo, viola e rosa. Si avvertono ricordi speziati di cannella e chiodi di garofano, con una ventata di scorze d’arancia candita. In bocca è suadente ma delicato, pieno ma mai stucchevole, si muove con grazia, lasciando percepire accenni di tannino, che rimangono delicati e aggraziati.

Più che un vino da meditazione è un vino da sogno, ma se aveste una crostata ai lamponi, o una torta al pan di spagna, panna e fragoline di bosco, il matrimonio d’amore sarebbe fantastico.

Accenno qualche riga sul Moscato Rosa. Diverse sono le leggende su questo vitigno: la più accreditata narra del suo arrivo da Oriente in Occidente per opera di un mercante di spezie. Una storia lo fa risalire al sud America dove sarebbe conosciuto con il nome di Rose of Perù. Il nome comunque deriverebbe non dal colore delle bucce degli acini, quanto dalla riconoscibile nota di rosa, caratteristica di questa uva.

Foto | Nicholas Wang from NYC, USA (P1000658) [CC-BY-SA-2.0], attraverso Wikimedia Commons – Franz Haas




Anais Vin

 

Sono nata a Roma nell’anno del titolo di un celebre libro di Orwell. Normalmente vivo qui, ma mi sposto di frequente. Leggo molto e bevo altrettanto. Amo la buona compagnia, il cibo, viaggiare e la musica. Anais Vin è lo pseudonimo che utilizzo per questa rubrica; il mio vero nome è Alessia Cattarin.



0 Comments



Non ci sono ancora commenti! Rompi tu il ghiaccio!


Di' la tua!


(richiesto)