Notifiche Facebook Messenger


 
 
Un articolo a caso


Il profumo di Süskind e il Nussbaumer Gewürztraminer

 
Il profumo di Süskind e il Nussbaumer Gewürztraminer
Il profumo di Süskind e il Nussbaumer Gewürztraminer
Il profumo di Süskind e il Nussbaumer Gewürztraminer

 
Il libro e il vino
 

Titolo libro: Il profumo
 
Autore: Patrick Süskind
 
Nome vino: Nussbaumer Gewürztraminer (della cantina Tramin)
 
Genere: ,
 
Voto libro
 
 
 
 
 


 
Voto vino
 
 
 
 
 


 
Punteggio totale
 
 
 
 
 
4.5/5


Voto degli utenti
4 Voti totali

 

Aspetti positivi


Non c'è nulla di scontato nella storia e nel suo avvicendarsi, è uno dei pochi bestseller che mi sia davvero piaciuto. Il vino è fedele al suo vitigno, non lo tradisce e non lo deforma, regalandoci un vino bianco strutturato e aromatico.

Aspetti negativi


Sconsiglierei questo vino d'estate, la sua gradazione alcolica è davvero rilevante. Non trovo aspetti negativi del libro tali da essere citati.


In sintesi

L’abbinamento con un libro che parla di profumi può essere complicato: il vino che vedo meglio è il Nussbaumer Gewürztraminer della cantina Tramin.

2
pubblicatosabato, 28 settembre 2013 da

 
Il nostro abbinamento
 
 

Il profumo di Süskind e il Nussbaumer GewürztraminerIl profumo – il cui titolo originale è Das Parfum. Die Geschichte eines Mörders – è un bestseller di Patrick Süskind pubblicato nel 1985.

Lo scrittore tedesco narra la storia di un neonato abbandonato fra l’immondizia nella Parigi del XVIII secolo e successivamente affidato a un orfanotrofio. Insensibile all’altrui compagnia, il piccolo capirà di avere un olfatto sopraffino. Venduto ancora giovane a una conceria, scoprirà la fatica e gli odori immondi che però per lui risultano stimolanti. In questa fase della sua vita, Jean-Baptiste Grenouille, il protagonista della nostra storia, si imbatte nel profumo emanato dal corpo di una fanciulla e, per annusarlo a fondo, la uccide decidendo che nella vita sarebbe diventato un esperto nel campo dei profumi.

Riesce, quindi, a farsi assumere da un mastro profumiere e ad apprendere, così, i principi della distillazione. Ottenuto il diploma di garzone si trasferisce a Grasse per imparare l’arte dell’enfleurage. Capisce finalmente che il motivo per cui gli altri esseri umani lo evitano è dovuto all’assenza di un suo odore specifico. Crea allora una sua propria essenza, sintesi dei più sublimi odori di fanciulle che uccide per impossessarsene. La cittadina di Grasse attonita di fronte a quest’ondata di omicidi decide per la condanna a morte di Jean-Baptiste Grenouille, condanna che gli verrà risparmiata perché egli farà innamorare tutti di lui al solo stillare una goccia della sua essenza.

L’abbinamento con un libro che parla di profumi può essere molto complicato. Il vino che vedo meglio in questo connubio è il Gewürztraminer della cantina Tramin.

Il Nussbaumer Gewürztraminer della cantina Tramin

Il profumo di Süskind e il Nussbaumer GewürztraminerA Sella, piccola frazione di Termeno in provincia di Bolzano, tra i 350 e i 550 m. s. l. m., si estendono i vigneti di Gewürztraminer. Le radici affondando in un terreno ghiaioso, argillo-calcareo con un sottosuolo porfirico.

Il Gewürztraminer o Traminer aromatico, la cui traduzione letteraria sarebbe però Traminer speziato, è un vitigno aromatico, che trova in questa parte dell’Alto Adige una delle zone più vocate alla sua crescita. La sua storia è incerta e l’Alto Adige ne rivendica i natali. Potrebbe invece essere originario dello Jura, o dell’Alsazia.

Nel bicchiere il giallo è talmente carico da essere praticamente dorato, generalmente si muove lento e sinuoso. Al naso si schiude subito con fresche sensazioni floreali riconducibili al bocciolo di rosa bianca, ma anche gelsomino. Le sensazioni fruttate sono più zuccherine e si esprimono mediante l’ananas maturo, il cedro candito e un tocco di maracuja dolce. Arrivano poi i riconoscimenti speziati più sottili quali cannella e pepe rosa. Il sorso è ricco, pieno, grasso, caldo e avvolgente.

Essere sedotti da questo vino è facile: ci strappa all’ambiente esterno e ci isola olfattivamente e gustativamente, creando una bolla di protezione fra noi e il mondo, così che la concentrazione sia appannaggio del vino e delle sensazioni che il bicchiere offre al trasognato degustatore.

Il romanzo Il profumo è un viaggio olfattivo tra cattivi e buoni odori, tra paesaggi floreali e vasche di sporcizia. La narrazione è talmente ben costruita che si viene catapultati in quel secolo, in quei posti che è come viverli, la mente richiama tutti i riconoscimenti che ha immagazzinato negli anni e li offre al momento opportuno per immedesimare ancora di più il lettore. Per questo rapimento sensoriale credo che il Nussbaumer sia il più adatto tra tutti i Gewürztraminer altoatesini.




Anais Vin

 
Sono nata a Roma nell'anno del titolo di un celebre libro di Orwell. Normalmente vivo qui, ma mi sposto di frequente. Leggo molto e bevo altrettanto. Amo la buona compagnia, il cibo, viaggiare e la musica. Anais Vin è lo pseudonimo che utilizzo per questa rubrica; il mio vero nome è Alessia Cattarin.








Potrebbe interessarti anche…

  1.  
    Seba
     
     
     
     
     

    Interessante !




  2.  
    Luigi Maiorino
     
     
     
     
     

    Non ho letto il libro ma ho visto il film che ne è stato tratto e che mi è rimasto impresso per la sua originalità. Credo che l’abbinamento sia ottimo perchè il vino è eccellente e gradevolmente profumato. Complimenti!





Di' la tua!


(richiesto)