Un articolo a caso


Menù letterari di Céline Girard e il Negroni

 

 
Il libro e il vino
 

Titolo libro: Menù letterari. Le ricette nei romanzi (e non solo)
 
Autore: Céline Girard
 
Nome vino: Negroni (cocktail)
 
Genere:
 
Voto libro
 
 
 
 
 


 
Voto vino
 
 
 
 
 


 
Punteggio totale
 
 
 
 
 
4/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


Il libro fa venir voglia non solo di provare le ricette, ma di procurarsi anche alcuni autori di cui magari si è digiuni. La ricetta del cocktail, nella sua semplicità ha una resa davvero unica, infatti è uno fra i più amati e richiesti cocktails in tutto il mondo.

Aspetti negativi


Nessun aspetto negativo per il libro come anche non mi sento di trovare aspetti negativi anche per il nostrano cocktail, per alcuni considerato una rivisitazione dell'Americano.


In sintesi

«Menù letterari. Le ricette nei romanzi (e non solo)» è il titolo di un bel libro di Céline Girard che noi abbiniamo al cocktail Negroni.

1
pubblicatosabato, 25 giugno 2016 da

 
Il nostro abbinamento
 
 
Céline Girard, Menù letterari

Céline Girard, Menù letterari

Con Menù letterari la giornalista pubblicista e redattrice di natali parigini, Céline Girard, ha creato un libro davvero carino, frutto della sua passione per la letteratura e per la cucina. Una sera, dinanzi a un tagliere di salumi e bruschette toscane, Céline inizia a parlare con una commensale della sua scelta di trasferirsi a Firenze, di quanto ami la letteratura, di quante ricette si celino in molti libri. Ne scaturisce un bel dibattito che si trasforma poi in un’idea: una selezione di ricette prese da passi di alcuni libri. Cernite e scelte hanno portato a una rosa di 24 romanzi con annesse ricette, piatti regionali della tradizione italiana, colazioni americane con uova e pancake, fonduta svizzera, dolci e frittate, raccolte in questo libro, dove la grafica dà subito una visione chiara di quel che si vuole trovare.

C’è la ricetta, il brano del romanzo da cui viene estrapolata, la foto, un suggerimento ad altre ricette presenti nel libro, il tocco dello chef e il ritratto dell’autore. Troviamo Virginia Woolf, Gabriele d’Annunzio, Jack Kerouac, Cesare Pavese, Alessandro Manzoni, Ernest Hemingway…

Menù letterari è un libro semplice e geniale, frutto della passione e ispirazione, senza troppe pretese, facile da consultare e con scelte, in alcuni casi, affatto scontate per quel che riguarda i romanzi. Libro da leggere sotto l’ombrellone o in metropolitana, non richiede particolare concentrazione pur essendo molto stimolante.

L’abbinamento tra il libro Menù letterari e il Negroni

Il Negroni in abbinamento al libro Menù letterari

Il Negroni in abbinamento al libro Menù letterari

Viste le innumerevoli ricette, i diversi autori e la molteplicità dei libri citati in Menù letterari, trovare un abbinamento perfetto con tutti sarebbe stato impossibile. Così ho deciso di rendere omaggio a Firenze, la città dove l’autrice francese ha deciso di trasferirsi per i suoi studi e dove, attualmente, risiede e lavora.

Ho scelto il cocktail Negroni per due motivi: è considerato un pre-dinner, quindi un cocktail da aperitivo che può aprire molte cene di cui le ricette potrebbero rendersi protagoniste, si può consumare anche durante i pasti o anche alla fine. L’altro motivo è che stato inventato/codificato proprio a Firenze e prende il nome dal conte Camillo Negroni, il quale era solito ordinare l’americano con la correzione di Gin al barman Luigi Scarselli.

Nel 1961 il Negroni entrò tra i primi cinquanta cocktail codificati dall’IBA. Vogliamo rendere così il nostro contributo ai Menù letterari aggiungendo la ricetta del Negroni cocktail.

Gli ingredienti sono i seguenti:

  • 1/3 Gin
  • 1/3 Vermouth rosso
  • 1/3 Bitter Campari
  • 1 fetta di arancia

Si versano gli ingredienti direttamente nell’old fashioned con del ghiaccio cristallino. Si mescola delicatamente e si aggiunge nel bicchiere la fetta di arancia. Può essere allungato anche con della soda, per renderlo meno alcolico, ma è una variazione: ce ne sono molte che riguardano questo cocktail italiano.

Per la foto del Negroni | Pixabay




Anais Vin

 

Sono nata a Roma nell’anno del titolo di un celebre libro di Orwell. Normalmente vivo qui, ma mi sposto di frequente. Leggo molto e bevo altrettanto. Amo la buona compagnia, il cibo, viaggiare e la musica. Anais Vin è lo pseudonimo che utilizzo per questa rubrica; il mio vero nome è Alessia Cattarin.



  1.  
    Sebastiano

    Complimenti





Di' la tua!


(richiesto)