Un articolo a caso


Punk! di Federico Guglielmi con il vino G Punk di Cascina Tavijn

 
Punk! di Federico Guglielmi con il vino G Punk di Cascina Tavijn
Punk! di Federico Guglielmi con il vino G Punk di Cascina Tavijn
Punk! di Federico Guglielmi con il vino G Punk di Cascina Tavijn

 
Il libro e il vino
 

Titolo libro: Punk!
 
Autore: Federico Guglielmi
 
Nome vino: G Punk – Cascina Tavijn
 
Genere:
 
Voto libro
 
 
 
 
 


 
Voto vino
 
 
 
 
 


 
Punteggio totale
 
 
 
 
 
4.5/5


Voto degli utenti
Non ci sono ancora voti.

 

Aspetti positivi


Libro esaustivo, scorrevole e con belle immagini, nulla è lasciato al caso. Ci sono paragrafi di approfondimento su gruppi che più di altri hanno lasciato un segno e sono meritevoli di dediche a loro riservate. Vino di facile beva, bell'etichetta che rivela un'interessantissima azienda, con una storia alle spalle. Vino ben fatto, genuino, umile e naturale, non estremamente pulito o esente da imperfezioni.

Aspetti negativi


La struttura materiale del libro, è pesante: la maneggevolezza del libro è l’unico aspetto che non mi ha soddisfatto. Non so se sia un pregio o un difetto il fatto che un vino non venga prodotto tutti gli anni: diciamo che per questa volta lo considererò un aspetto negativo.


In sintesi

Punk! è il titolo di un libro si Federico Guglielmi che noi abbiniamo al vino G Punk di Cascina Tavijn: un abbinamento in base non solo al nome!

5
pubblicatosabato, 28 maggio 2016 da

 
Il nostro abbinamento
 
 
Federico Guglielmi, Punk!

Federico Guglielmi, Punk!

Avevo comprato il libro Punk! di Federico Guglielmi (Giunti editore) qualche anno fa, senza una ragione particolare: alcune canzoni, soprattutto dei Clash, mi piacevano, e probabilmente mi sarò detta che valeva la pena sapere qualcosa di più su questo genere musicale. Col senno del poi, devo dire di aver fatto benissimo: Punk! di Federico Guglielmi è un libro molto ben strutturato e farcito di informazioni e suggerimenti di brani e di gruppi sconosciuti, almeno alle mie orecchie. Duecentosessantatré pagine che narrano non più di tre anni: dalla nascita di quel che non si chiamava ancora Punk, all’affermazione planetaria di questo movimento aggressivo, disilluso e liberatorio, che inspirò praticamente ovunque giovani a uscire dai propri garage e a suonare in pubblico.

È stata una lettura a tratti coinvolgente. Non mi farò la cresta né indosserò giacca di pelle e borchie, ma godrò della musica di altri gruppi, quali gli australiani the Saints e radio Birdman fra tutti. Questo libro è stato anche in grado di mettermi in buona luce i Sex Pistols: fino ad allora li avevo sempre considerati gli antagonisti dei Clash, senza ispirazione e messi insieme da un astuto agente. Cosa che penso tuttora, ma ora so anche qual è stato l’impatto dei loro tour a livello mondiale e quanti altri gruppi hanno ispirato e portato alla luce.

Raramente sono colpita da un lavoro; Punk! è minuzioso, ispirato, appassionato e ben scritto. Confesso che non avevo neanche sentito mai parlare dell’autore, Federico Guglielmi, che è uno scrittore, giornalista musicale e conduttore radiofonico italiano, di quelli seri e preparati. Guglielmi fortunatamente si è occupato anche di Rock, New Wave, Hardcore e gruppi e singoli artisti. Leggerò sicuramente altro dello stesso autore, sperando non disattenda le mie ormai alte aspettative.

Abbinamento vino/libro: il G Punk di Cascina Tavijn

Il vino G Punk di Cascina Tavijn

Il vino G Punk di Cascina Tavijn

Di vini brutti, sporchi e cattivi ultimamente ce ne sono fin troppi. Noi ci occupiamo di uno che ha queste caratteristiche, ma che lo rendono particolare e piacevole da bere.

G Punk è il Grignolino in purezza dell’azienda Cascina Tavijn. Il Grignolino è un’uva originaria delle colline del Monferrato. Oggi non è molto diffusa – ricopre infatti l’1% della produzione piemontese – soprattutto dopo l’avvento della fillossera. Quest’uva dona un vino non particolarmente colorato, di pronta beva, con sentori speziati. Spesso viene usato in uvaggio con Barbera e Freisa.

Cascina Tavijn, ha un secolo di storia alle spalle, portata avanti dalle quattro generazioni che si sono susseguite nel corso degli anni. Nadia Verrua ha continuato il lavoro dei suoi genitori, ha ottenuto la certificazione biologica nel 2007, ma ha sempre lavorato rispettando la Natura. Produce Grignolino, Barbera e Ruché. In alcuni anni il Grignolino viene imbottigliato con l’etichetta G Punk: vino da bere fresco, spensieratamente, con piatti non esageratamente strutturati. Ottima beva, colore rosso chiaro, sapido e fresco, perfetto in abbinamento col nostro libro. A parte il nome, li accomuna una gioventù grintosa e ribelle, comunque fuori dal comune!

Foto del vino | Porthos




Anais Vin

 

Sono nata a Roma nell’anno del titolo di un celebre libro di Orwell. Normalmente vivo qui, ma mi sposto di frequente. Leggo molto e bevo altrettanto. Amo la buona compagnia, il cibo, viaggiare e la musica. Anais Vin è lo pseudonimo che utilizzo per questa rubrica; il mio vero nome è Alessia Cattarin.



  1.  

    Mi hai decisamente sorpreso, ed è una cosa che non mi capita spesso. Grazie, anche e soprattutto delle belle parole.




  2.  
    Federico

    Scusami… questo non so se è il caso di pubblicarlo, ma… insomma, se volessi assaggiare questo vino lo troverei da qualche parte qui a Roma, che tu sappia? Se conosci un indirizzo sicuro… Grazie!





Di' la tua!


(richiesto)