3
Posted 30 Novembre 2007 by Graphe.it in Editoriale
 
 

E-book e dintorni


KindleChe ne pensate degli e-book? Preferite un libro “tradizionale” o uno “elettronico”? E di kindle, il “lettore” di e-book messo a punto a Amazon? Sinceramente, io non saprei rispondere. Credo che importanza primaria vada data alla diffusione della cultura e alla possibilità di leggere. Il mezzo è secondario, forse. Ormai è assodato che l’e-book non sostituirà il libro tradizionale. Ci si affiancherà. E questo è un bene. Forse si potrebbe fare una scelta su quali libri pubblicare in formato elettronico e quali in cartaceo. Il fascino di un libro stampato – soprattutto se di contenuto interessante e graficamente bello – difficilmente potrà essere superato. Ma anche la possibilità di realizzare prodotti particolari con l’e-book non è da sottovalutare (e nemmeno è da sottovalutare la minore produzione di carta che si avrebbe). Dinanzi a queste novità, difficilmente mi schiero per il sì o per il no. Prima voglio valutare. E poi mi viene da pensare: quanto durerà un libro elettronico? Seppur rari, ancora oggi esistono libri del 1400. Un e-book durerà 700 anni? Queste nuove modalità di leggere e scrivere, saranno in grado di trasmettere la nostra cultura ai nostri figli e ai figli dei figli o sono solo una (interessantissima) strizzata d’occhio al mercato?

Voi che pensate?




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)