0
Posted 15 Luglio 2009 by Graphe.it in Racconti e testi
 
 

Una parola


Per pubblicare i vostri testi in questa sezione, scrivere a [email protected]

Un testo di Alessandro Spissu.

Traffico notturno

Siamo stati dei vigliacchi ad andare via così
senza dire una parola
forse per paura di doverne dire qualcuna di più
È stato facile seguire l’impulso del momento
ci siamo lasciati alle spalle il disastro
noi due in fuga verso il buio
Che cosa abbiamo pensato in quell’istante?
Alle nostre vite gettate via
alle fredde sbarre di ferro
o alla luce di una lampada nuda
Nessuna risposta può giustificare
la follia di quella notte
incominciata un po’ per gioco
spingendo sull’acceleratore
sotto la pioggia battente
un sorpasso azzardato
poi un altro, poi…
lo schianto
Come l’acqua sull’asfalto
scorrono veloci le immagini
di corpi e di lamiere
di fumo e di calore
chiedono giustizia
e raccontano di noi
che abbiamo in prestito la libertà
finché non diremo una parola




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)