0
Posted 17 Agosto 2011 by Graphe.it in Racconti e testi
 
 

Preghiera per un riposo appagante

Preghiera per un riposo appagante
Preghiera per un riposo appagante

In estate, lo sappiamo, il riposo ha la meglio. E per fortuna: perché riposare è tanto importante quanto lavorare. A proposito del riposo vi proponiamo la Preghiera per un riposo appagante scritta da André Dumas (1918-1966). Buon riposo!

Preghiera per un riposo appagante

O Dio, lascia il riposo venire nel nostro cuore, nella nostra mente e nel nostro corpo, affinché ci sia dato di fermarci, e separarci da ciò che turbina, si agita e si blocca in noi.

Tu lo sai, nonostante le apparenze che ci diamo di essere calmi, organizzati, distaccati, concentrati, in realtà non abbiamo tregua con noi stessi.

Noi riempiamo il nostro tempo come un armadio ricolmo. Accumuliamo i nostri anni come un susseguirsi di impegni e di ritardi. Ricolmiamo le nostre vite senza lasciarci dello spazio per viverle.

Passiamo dal lavoro al divertimento e non conosciamo il riposo.

O Dio, dacci di riposare, tu che hai messo da parte il settimo giorno per osservare, apprezzare e rilassarti dalla tua fatica. Dacci il riposo, tu che comandi di lasciarsi andare memori della libertà sempre reale, in attesa dell’avvento del tuo regno sempre annunciato.

Fa’ che i nostri riposi non spaventino noi, che sappiamo così male usare la libertà del tempo.

Fa’ che i nostri riposi non deprimano noi, che così male sappiamo vivere il silenzio e la calma, il ritiro e il rifugio.

Poiché noi vorremmo che il riposo non fosse per noi una regola d’igiene e un dovere, un obbligo e una rinuncia, ma che potesse divenire in noi qualcosa di simile al sole che si attarda la sera a calare, o come il sonno che suscita i sogni, come la notte che copre le manchevolezze, come l’aurora che ci ritrova in forma.

Dona riposo ai nostri cuori, questi cavalli che tirano da una parte e dall’altra.

Dona riposo ai nostri spiriti, queste anticamere dove si accalcano i sollecitatori.

Dona riposo ai nostri corpi, queste abitazioni dove si posa la polvere.

Donaci riposo tu che hai fissati i ritmi del mondo, il giorno e la notte, l’inverno e l’estate, chi va e chi viene, la parola e il sacramento, la bocca e la dolcezza della mano, l’orecchio o lo sfioramento del gesto, l’animazione e il placarsi dell’amen.

Noi ti chiediamo il riposo delle nostre vite, lo chiediamo a te che se l’Iddio della Parola vivente, ma anche l’Iddio della pace compiuta.

Foto | Pixabay




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)