0
Posted giovedì, 25 agosto 2011 by Graphe.it in I nostri libri
 
 

Poesiole doppiosensuali, la poesia erotica di Clara Vajthò


Non so se con l’avvento dell’editoria digitale aumenterà il consumo della letteratura e della poesia erotica. Quello che è certo è che recentemente, per un motivo o per l’altro, sono io ad imbattermi in questo genere di narrativa […] E la poesia?

Tra le pubblicazioni [della Graphe.it edizioni figurano] anche Poesiole doppiosensuali di Clara Vajthò. Dopo un’iniziale curiosità le avevo messe da parte, ma visto che il destino cospira contro di me, mi sono detta che questo era il momento buono per dare un’occhiata alla raccolta.

Devo dire che Poesiole doppiosensuali mi ha molto divertita. La Vajthò gioca con idee, parole e suggestioni molto allegramente. Queste poesie in rima stuzzicano il lettore come un amante ideale dovrebbe fare, senza morbosità, ma lanciando ami da cui possiamo scegliere di farci pescare o meno.

Si presta non solo ad essere una lettura personale leggera e divertita, ma anche un simpatico regalo da fare al partner o ad un amico. Una curiosità: del libro esistono la versione cartacea e quella eBook, ma volendo potete persino noleggiarlo. Giusto se non volete farvi beccare in casa da mammà con un testo simile.

Dalla prefazione di Carlo Molinaro:

Clara Vajthó mette in versi un eros che assomiglia, nella sua limpidezza, al gioco dei bambini: serio preciso attento, e simultaneamente gioioso stupito lieto. In questo orizzonte le differenze fra ciò che è più lirico e ciò che è più ironico, fra ciò che è più vestito di metafora e ciò che è più nudo e crudo, perdono il carattere di contrapposizione e diventano complementari pennellate a dipingere lo stesso quadro […]

Una poesia

Amare

Spiaggia deserta
aria di temporale
seduta sulla sabbia
sto a guardare
apro le gambe e
m’accoppio con il mare

Barbara su Libri e Bit




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)