0
Posted domenica, 22 Aprile 2012 by Graphe.it in Recensioni
 
 

Giornata Mondiale della Terra: Apri la porta, di Tagore

Giornata Mondiale della Terra: Apri la porta, di Tagore

Giornata Mondiale della Terra: Apri la porta, poesia di Tagore

Si celebra oggi la Giornata Mondiale della Terra. Noi della Graphe.it edizioni crediamo che possiamo fare del bene a questo nostro pianeta con azioni anche piccole, ma costanti. Chi ci segue sa che siamo per la decrescita editoriale (pubblicare meno, pubblicare meglio) anche per una scelta ecologica: è veramente necessario l’uso di tutta questa carta? In quest’ottica si inserisce l’utilizzo della carta riciclata per la stampa dei nostri libri, come anche per la stampa di documenti, e l’impegno nella pubblicazione di eBook. Per la consegna dei libri ai nostri clienti (sia distributori, che librerie e privati) ci serviamo di un corriere espresso – GLS – che ha una politica ben chiara per la sostenibilità ambientale.

GraphoMania, poi, è un blog a impatto zero: abbiamo contribuito a piantare un albero a nome del nostro blog che, in questo modo, compenserà alle emissioni di anidride carbonica del nostro server.

Dobbiamo notare con rammarico, tuttavia, che il tanto sbandierato impegno di alcuni grossi enti italiani per il rispetto dell’ambiente non vuole prendere in carico le richieste di piccoli editori come siamo noi. Abbiamo chiesto, infatti, alcuni preventivi a diverse tipografie che lavorano con carta certificata FSC: nessuna di queste tipografie blasonate – che spesso occupano i primi posti dei giornali quando si parla di ambiente e il cui sigillo troviamo sui libri delle “grandi” case editrici italiane – ci ha risposto. Forse non porta così tanta pubblicità stampare libri di una casa editrice “piccola”…

Tagore, Apri la porta

Nell’augurarvi buona Giornata Mondiale della Terra prendiamo in prestito le parole di Rabindranath Tagore che in una sua poesia parla di come si senta vivo nel contatto con la natura.

Apri la porta —
fai inondare d’azzurro cielo liberamente
la stanza mie ed entrare dei fiori il profumo.
Lascia i primi raggi del sole
bagnare tutto l’essere mio
e irrorarne il vigore.
«Sono vivo» – questo messaggio di saluto
fruscia tra le foglie della foresta —
Lasciamelo udire.
Che il mattino m’avvolga nel suo velo,
com’esso avvolge la verde terra di molle erba adorna.
L’amore che ricevetti nella vita —
la sua muta voce io odo nel cielo,
nel vento.
Nelle sue pure acque mi bagno
e vedo la Verità della vita scintillante come gemma
nel cuore dell’azzurro.

Foto | Pixabay




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)