0
Posted giovedì, 13 Settembre 2012 by Graphe.it in Mondolibri
 
 

Il libro segreto di Gesù, di Simone Venturini


Il motivo di questa decisione preventiva fu, appunto, il ricordo di ciò che egli disse quand’era ancora in vita: «Dopo tre giorni risorgerò». La tomba fu così sigillata e sorvegliata per evitare il trafugamento del suo corpo da parte dei discepoli.

Le guardie assistettero poi al terremoto e alla scena dell’angelo disceso dal cielo, che fece rotolare via la pietra dal sepolcro. Matteo dice che «per lo spavento che ebbero di lui le guardie tremarono tramortite»; i soldati, giunti poi a Gerusalemme, raccontarono ai sommi sacerdoti quanto era accaduto.

Le autorità religiose si erano perciò doppiamente premunite. Se Gesù fosse veramente risorto, sarebbe trapelata la notizia del furto perpetrato dai discepoli; in caso contrario, come loro credevano o speravano, si erano comunque organizzati per impedire che, entro il terzo giorno, i suoi adepti ne trafugassero il cadavere.

I sommi sacerdoti, davanti alle notizie sconvolgenti riferite dalle guardie, alle quali evidentemente prestarono ascolto, misero in atto la prima strategia, cioè raccontarono: «I suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato». Matteo definisce questa notizia una «diceria» che si era diffusa tra i giudei fino al «giorno d’oggi», presumibilmente fino a quando fu scritto il suo Vangelo.

La frase riportata da Matteo – «e se mai la cosa verrà all’orecchio del governatore» – indicherebbe inoltre che qualcosa sarebbe effettivamente arrivato prima a Pilato e più tardi forse anche all’imperatore Claudio (10 a.C.-54 d.C.), grazie alle informazioni del suo grande amico e alleato Agrippa I (10 a.C.-44 d.C.) re di Galilea, Samaria e Giudea.

A seguito di una di queste voci, Claudio avrebbe emesso un decreto imperiale. Da tale documento possiamo intuire quanto fosse diffusa, insieme alla diceria, la notizia della resurrezione di Gesù. Un decreto che sarebbe stato scolpito – in parte o per intero – su una lastra di marmo, nota tra gli esperti come “decreto di Cesare”.

***

Il libro (dal sito della casa editrice): Secondo le testimonianze riportate nei Vangeli, il corpo resta nel sepolcro per circa quaranta ore, dalla sera di venerdì fino all’alba di domenica 9 aprile. Quella mattina, alcune donne che avevano assistito alla crocifissione si recano sul posto per rendergli omaggio, ma con loro grande stupore trovano una tomba vuota.

Cos’è accaduto durante questo lasso di tempo? Tante sono le ipotesi, alcune delle quali si fondano sull’idea che il cadavere di Gesù sia stato trafugato. Eppure un’altra teoria, meno nota, vuole far luce su quanto sarebbe accaduto dentro il sepolcro. I Vangeli tacciono completamente su questo punto. Ma oggi, sulla base di alcune prove archeologiche e nuovi risultati scientifici, è possibile indagare più a fondo su tale mistero.

Subito dopo la morte, Gesù inizia un viaggio in un altro mondo, in un’altra dimensione. Un viaggio che nasconde ancora un grande segreto da svelare…

Simone Venturini
Il libro segreto di Gesù.
I codici nascosti della Resurrezione. I tre giorni che hanno cambiato il mondo

Newton Compton, 2012
ISBN 978-88-541-3128-6
pagine 192 + 8 tavole fuori testo a colori, euro 9,90
disponibile anche in eBook: euro 4,99




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)