1
Posted giovedì, 13 Settembre 2012 by Anna Fogarolo in Mondolibri
 
 

Storie da Nobel: quando Dario Fo chiamò José Saramago


Alcuni aneddoti aiutano a comprendere quanto i grandi della scrittura siano capaci di gioire di un Premio importante come il Nobel per la Letteratura, eppure, contemporaneamente, confermano quanto alcuni di loro riescano a sentirsi in colpa nel caso in cui lo vincano e sollevati nel caso in cui lo perdano. In questi giorni sto rileggendo Quaderni di Lanzarote di José Saramago, e dato il profumo di Nobel che si avvicina, l’episodio narrato appare, ai miei occhi di lettrice, un esempio concreto di grandi scrittori a confronto, un confronto positivo, bello e quasi nostalgico.

Il 9 ottobre 1997 Saramago viene a sapere via radio che il Premio Nobel per la letteratura è stato attribuito a Dario Fo. E cosa poteva mai pensare un tale grande della letteratura, vincitore del Nobel nel 1998, se non : “Ecco. Possiamo tornare alla nostra pace.”?

Nessuna invidia, nessun rancore. Non solo, l’autore portoghese narra la telefonata avvenuta il giorno seguente: Dario Fo infatti lo ha chiamato sostenendo: “Sono un ladro, ti ho rubato il premio. Un giorno toccherà a te. Ti abbraccio.

Dario FoUna telefonata insolita: lo stesso Saramago ammette di aver impiegato qualche attimo a riprendersi dallo stupore.

Un piccola storia, che si conclude con l’incontro dei due davanti alle telecamere, e, con somma delusione di chi sperava di cogliere rabbia e invidia, con abbracci e congratulazioni. Il pensiero di José Saramago fa sorridere: “Suppongo che una così non sarà mai capitata nella storia di questo premio…

Non possiamo sapere se altri prima o dopo Saramago e Fo si siano mai comportati in modo così distinto; certo la risposta di Pilar, moglie di Saramago e donna estremamente saggia, ci fa pensare: “Non bisogna perdere la fiducia nella generosità umana…

Al Festivaletteratura di Mantova, appena concluso, presenze del calibro di Edgar Morin e Zygmunt Bauman sono state definite sui Social Network come quelle dei grandi vecchi. Ebbene, spero davvero di imparare da questi grandi vecchi.

Oggi mi immagino un José Saramago sorridere di fronte all’etichetta del Grande Vecchio mentre sostiene: vecchio sicuramente, grande… mah, ci devo pensare, in realtà non sono poi così alto.




Anna Fogarolo

 
Fotogiornalista per le maggiori testate italiane come Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Gente, Oggi, Focus... Dal 2009 sposta la sua attenzione sulle nuove tecnologie iniziando la carriera di Web content e blogger per alcuni noti portali e Network, successivamente si specializza come Social Media Manager. Attualmente: consulenza di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR per le Edizioni Centro Studi Erikson.