0
Posted lunedì, 17 Settembre 2012 by Roberto Russo in Mondolibri
 
 

Libri e letteratura contro il traffico


Un fiume di libri ha invaso le strade di Melbourne in una installazione artistica dal titolo Literature vs Traffic. L’iniziativa è avvenuta all’interno della manifestazione Light in Winter e segue un’altra simile realizzata a New York. L’idea di base la illustrano gli stessi realizzatori:

Il fine di questa installazione? Lo stesso della prima volta che l’abbiamo realizzata: che cioè un fiume di libri straripasse dallo spazio fisico dei pedoni e si diffondesse in quello assegnato alle automobili, rubando un bel pezzo di suolo al traffico della zona, in un gesto simbolico in cui la letteratura si appropria delle strade e si converte in conquistatrice dello spazio pubblico, offrendo ai cittadini un luogo (non così grande come ci sarebbe piaciuto) in cui il traffico si ritira per lasciare spazio al modesto potere della parola scritta.

In pratica hanno raccolto, grazie all’aiuto dell’Esercito della Salvezza, diecimila libri che le biblioteche pubbliche stavano inviando al macero in quanto obsoleti, li hanno aperti e li hanno illuminati tappezzando così con essi Federation Square. L’installazione è durata un mese, è stata a impatto zero e al termine il fiume debordante di libri è stato guadato dai visitatori che hanno scelto quello che ritenevano più interessante per loro e se lo sono portato a casa.

Le foto mostrano la bellezza dell’evento e ci pongono una domanda: ma è proprio vero che la gente legge di meno? Non sarà, forse, che gli operatori del mondo del libro sono arroccati in posizioni anacronistiche e non sanno più portare il libro e la lettura alle persone?

[print_gllr id=11794]

 Foto | luzinterruptus

 




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.