1
Posted 2 Gennaio 2013 by Graphe.it in Mondolibri
 
 

Con il senso del cielo, di Susanne Buscarini


Mi sfiorò il cuore e mi diede una carezza, ancora una volta potei assaporare tutto il calore.

Mi svegliai all’improvviso: ero sudata, il cuore alla gola e il respiro più affannoso che mai, guardai l’ora erano le 3:15 del mattino.

Avevo fatto un brutto sogno, ero seduta davanti ad una tazzina di caffè e mi chiedevo com’è morire. È come spegnere l’interruttore della luce? Come bere un caffè? Cosa si prova quando si muore? Improvvisamente un gran senso di paura, mi svegliai.

Volevo svegliare mio marito, sapevo che era un sogno premonitore.

Ma cosa potevo dirgli?

Caro, ho fatto un sogno, sto per morire! Quindi interrompiamo ogni nostro progetto, niente casa, niente di niente.

Assurdo solo pensarlo.

Mi voltai,accanto al mio letto c’era mio figlio e a quel punto pregai perché mi fosse data la possibilità di vederlo crescere.

I miei figli, l’unica cosa bella che la vita mi aveva donato.

Con gran fatica mi riaddormentai, mio malgrado il sogno continuò precisamente da dove l’avevo lasciato: Seduta davanti a una tazzina di caffè mi chiedevo cos’è morire? Cosa si prova?

Mi assalì un’agghiacciante paura.

***

Il libro (dal sito della casa editrice): Troppo spesso siamo prigionieri di noi stessi a causa di insoddisfazioni e condizionamenti e diveniamo ciò che non vogliamo, e nel corso del tempo perdiamo di vista il nostro volere e, soprattutto, dimentichiamo troppo spesso chiederci: cosa voglio veramente? A volte ci accorgiamo troppo tardi che la vita non è stata vissuta ma semplicemente subìta.

È così che inizia un lungo viaggio introspettivo, non privo di dolore ma nemmeno di soddisfazioni, con la speranza che un giorno divenga certezza il trovare la vera essenza di noi stessi e la piena consapevolezza di chi siamo. Nel seguire questo percorso non dobbiamo mai dimenticare che non siamo soli, ma una mano è sempre tesa verso di noi e una luce illumina il nostro cammino: la luce del nostro cuore.

Ricordando sempre che ogni evento, ogni situazione la si può vedere da diverse angolazioni e ricordare che ogni problema ha la sua soluzione, se non c’è soluzione non c’è il problema ma è una nuova situazione che noi possiamo decidere di accettare o meno.

Fondamentalmente ciò che cerchiamo è un sorriso e ciò che chiediamo è amare. Soltanto abbattendo i muri creati dalla mente possiamo ritenerci veramente liberi.

Susanne Buscarini
Con il senso del cielo
Edizioni Galassia Arte, 2012
ISBN 978-88-97695-22-6
pp. 90, euro 10




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)