0
Posted venerdì, 4 Gennaio 2013 by Graphe.it in Mondolibri
 
 

Diritti umani: Roberto Fantini intervistato da Rai Radio 1

http://www.youtube.com/watch?v=DpcvPMHjcYE

Lo scorso dicembre, Roberto Fantini è stato intervistato in merito al suo libro Il cielo dentro di noi. Conversazioni sui Diritti Umani (sul mondo che c’è e su quello che verrà). L’intervista è andata in onda durante il programma La Notte di Radio 1 su Rai Radio 1 ed è stata fatta da Lucilla Noviello. Nel video trovate l’audio dell’intervista con alcune immagini di Roberto Fantini. Di seguito, invece, l’introduzione al suo libro.

***

«Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me…» Sono davvero poche le massime filosofiche che, una volta incontrate, ti entrano nell’anima e ti rimangono lì, resistendo ai monsoni dell’oblio

Il cielo stellato, lassù, vuol dire che siamo tuffati in una realtà immensamente più grande di quanto la nostra stessa immaginazione possa supporre. Il cielo stellato vuol dire che siamo viaggiatori dello spazio, cittadini dell’infinito. Vuol dire, soprattutto, che siamo figli dell’ignoto, creature misteriose di un universo misterioso. Vuol dire che la nostra vita stessa è essenzialmente mistero.

Ma il cielo stellato non è soltanto emblema dell’immensamente grande e inconoscibile, lo è anche dell’incommensurabilmente bello e affascinante. Pochi scenari, infatti, sanno generare tanto illimitato sgomento, ma, al contempo, anche allargarci le pareti del cuore fino a farle esplodere di sconfinata ebbrezza.

Pochi scenari ci fanno scendere nell’anima un sentimento tanto profondo di intimità con il cosmo, di sintonia con il tutto, di vicinanza con il cuore dell’universo e, nello stesso tempo, di lontananza da tutto ciò che chiacchiera, strepita e fa rumore.

Il cielo stellato è come se ci avvolgesse, come se ci risucchiasse nel suo ventre, come se stesse lì a ricordarci che siamo anche noi pulviscolo di pianeti infranti, bagliori viaggianti di stelle perdute, briciole di energia rotolanti nel vuoto. E tutto questo ci annienta e ci inonda di pace (di una pace insolita, davvero di “altri mondi”…). Ci strappa di dosso le incrostazioni dell’orgoglio e ci irradia nella mente il pensiero di una origine lontana e di una meta ancora più lontana…

E la legge morale dentro di me? Sta a dirmi che c’è, in me, qualcosa di più grande e di più potente dell’intero universo. Qualcosa che mi salva dalla voracità del nulla, che mi sostiene di fronte all’incubo dell’insensatezza dell’essere, che mi mette al riparo dal baratro della cecità del caso.

La “legge morale” mi proietta in un mondo in cui il pensiero esercita una sovranità sul fluire del tempo e delle cose, e, soprattutto, sull’agitarsi scomposto delle energie interne del cuore.

Una sovranità umile ma decisa, delicata quanto possente.

Una sovranità che mi permette di non essere vittima di forze che non comprendo, di comandi che non condivido, di spinte che non intendo assecondare.

Una sovranità che mi consente di credere alla mia libertà e che mi fa sentire padrone di me e della mia vita, capace di agire secondo ragione e secondo giustizia. Secondo la giustizia della mia ragione.

C’è un’altra affermazione di un altro grande uomo, Albert Einstein, che lega gli astri all’agire umano: «L’esistenza e il valore dei diritti umani non stanno scritti nelle stelle…».

Si tratta di parole certamente meno famose, ma anch’esse molto illuminanti.

Nel pronunciarle, ci si voleva dire che, nella natura che ci ospita, è possibile trovare tante cose che esistono prima di noi e indipendentemente da noi, ma che quella particolarissima cosa rappresentata dai diritti umani esiste soltanto se siamo noi a scegliere di farla esistere; a decidere che sia giusto che ci sia, a decidere che sia giusto che tali diritti esistano per conferire al mondo in cui viviamo e che ci ha generati il respiro della ragione, il valore della persona, la percezione della dignità di tutti noi atomi pensanti.

In pratica, Einstein ci dice che, al contrario di quanto affermato per secoli, da pensatori che avvertivano intensamente la necessità di comunicare forza e autorevolezza alle proprie rivoluzionarie teorie, i diritti umani non sarebbero per nulla qualcosa di “naturale”, ma qualcosa di strettamente storico-culturale. Non sarebbero, cioè, un dono degli dei, la manifestazione del volere divino o della provvidenziale generosità della Natura, bensì qualcosa di “semplicemente” umano, qualcosa di straordinariamente “nostro”. E, come tali, più fragili e vulnerabili delle leggi della fisica e della chimica, ma, al contempo, immensamente più preziosi, immensamente più bisognosi di cure, di essere protetti e alimentati, giorno per giorno, come una creatura incapace di vivere senza di noi, incapace di sopravvivere alla nostra eventuale, malaugurata disattenzione.

I diritti umani sono veri, sono importanti, possono rappresentare il centro della nostra esistenza e diventare il fulcro creativo della nostra storia presente e futura solo se noi lo vogliamo e lo vorremo veramente, ben al di là delle belle quanto irritanti formulette politico-mediatiche. Solo, cioè, se saremo lieti di assumere su di noi la serissima responsabilità, impegnata e impegnante, di cittadini del mondo, pronti a tutto per sottrarre il proprio destino e quello delle future generazioni al dominio della violenza, all’abominio della cosiddetta “legge del più forte”, al gelo della mera casualità.




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)