0
Posted 14 Febbraio 2013 by Graphe.it in Poesia e dintorni
 
 

La tua anima è un fiume, mio amore: poesia di Nazim Hikmet

Nazim Hikmet, La tua anima è un fiume

Nazim Hikmet, La tua anima è un fiume

Se Afrodite è la dea dell’amore è pur vero che l’amore non è un’idea astratta ma una realtà concreta: diciamo “amore” a una persona che amiamo, lo diciamo a chi teniamo, lo affermiamo anche a sproposito, a volte.

Il poeta Nazim Hikmet ne La tua anima è un fiume ci parla del suo amore e, in particolare, dell’anima della persona che ama. L’immagine che usa il poeta è quella di un fiume che scorre tra le montagne, che rispecchia le nuvole, con la sua acqua che rimescola il letto del fiume ed è quasi pazza del proprio fragore. Un’acqua viva, che non è mai la stessa e che fa mille giri. Non come l’acqua in pianura che scorre lenta.

No, l’amore è un fiume vorticoso, che scorre in alto tra le montagne!

La tua anima è un fiume

La tua anima è un fiume, mio amore,
scorre in alto tra le montagne
tra le montagne verso la piana
verso la piana senza poterla raggiungere
senza raggiungere il sonno dei salici piangenti
la quiete dei larghi archi di ponte
dell’erbe acquatiche dell’anatre dalla testa verde
senza raggiungere i campi di grano al chiaro di luna
scorre verso la piana
scorre in alto tra le montagne
tirandosi dietro le nubi, che si fondono e si separano
portandosi di notte le grosse stelle
le stelle delle cime delle montagne
il sole azzurro delle nevi delle montagne
scorre schiumeggiano mescolando nel fondo le pietre bianche con quelle nere
scorre con i suoi pesci che nuotano contro corrente
vigili nelle curve
s’inabissa e s’inalbera
pazza del proprio fragore
scorre in alto tra le montagne
tra le montagne verso la piana
verso la piana inseguendola
senza poterla raggiungere.

Foto | Pixabay




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)