0
Posted 28 Aprile 2013 by Graphe.it in Poesia e dintorni
 
 

Preghiera, poesia per la domenica di Alessandro Spissu

Preghiera poesia di Alessandro SpissuLe situazioni a volte sono così strane che non rimane altro che innalzare una preghiera al cielo nella speranza che venga ascoltata. Si spera in un mondo migliore, si è lì lì per vederlo avverarsi e poi tutto naufraga. E il bello è che qualcuno continua a dire che il mondo migliore si è realizzato, che di meglio non si poteva fare. Allora prevale la noia, tra idee azzardate che sono vecchie, le solite storie che la televisione ci propina, e la vita che continua ad andare avanti, quasi indifferente ai cambiamenti che tutto intorno accadono.

È una preghiera quella che ci propone Alessandro Spissu, amico di lunga data del nostro blog, in questa poesia domenicale che volentieri pubblichiamo. La speranza di un mondo migliore, anche se ogni giorno sembra più lontano dall’arrivare, dev’esserci compagna passo dopo passo.

Le delusioni, i rimpianti
e un solo grande amore
fra le idee azzardate che mi fanno tremare
Qualche volta il lavoro che non c’è
e la “logica” dei discorsi in tivù
troppo grande è la noia che gira con me
in questa danza stanca

Sarà la pioggia che si sente nell’aria
e le mani sugli occhi per non vedere
ogni soffio di vita gettato via
Io ti ringrazio per tutto quello che ci hai dato
per tutto quello che hai rubato
e per il resto che è volato via
in questa danza stanca

Abbiamo visto al di là di ogni razza umana
la terra divisa in mille colori
attraverso fiumi di canali
in un labirinto indecifrabile di guerre

Abbiamo scoperto quello che possiamo diventare
eppure ci eravamo illusi con le facili parole
di inventare quello che si dice… un mondo migliore

A guardare il cielo si può solo sperare
che la pioggia che cade giù
possa cancellare ogni traccia del nostro passaggio

Per chi ancora crede nelle stelle, regala la luce di un bambino
Per chi ancora si emoziona con la musica, regala una canzone
Per chi ancora crede e basta, regala una preghiera.

Foto | Ian Sane via photopin cc




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)