0
Posted venerdì, 28 Giugno 2013 by Graphe.it in Mondolibri
 
 

Tre bassottini in pericolo, di Tatjana Gessler

Tre bassottini in pericolo, di Tatjana GesslerComunque Stracciatella oggi si merita una doppia razione di cibo.» In segno di riconoscenza, il veterinario accarezzò le testoline piene di fuliggine di Becky e del suo cagnolino.

L’applauso si smorzò, e mentre Rebecca si rimetteva in piedi a fatica, suo padre disse: «Elena, finché non sappiamo con esattezza come procedere con il canile, propongo di portare i cani in clinica da me. Quelli feriti li sistemiamo in infermeria, quelli che stanno bene staranno tra la stalla e il fienile».

Rebecca vide con chiarezza il sollievo immenso di Elena, come si fosse liberata di un macigno. I suoi occhi si riempirono di lacrime mentre ringraziava di cuore il dottor Ferri e gli stringeva la mano.

«Ma come facciamo a portarli tutti là? Abbiamo appena sistemato una parte dei gatti nel camioncino a gabbie del canile, e anche il fuoristrada è pieno» obiettò la direttrice.

«Provo a chiedere io ai pompieri» propose Anna.

 

Il libro: Di ritorno da una passeggiata con la sua amica Anna, Rebecca ripensa alla misteriosa fattoria che ha intravisto lungo la strada e alla splendida cavallina nera lasciata tutta sola… A chi apparterrà? Perché ha avuto la sensazione che qualcuno la spiasse? Persa nei suoi pensieri, osserva il cielo rosso… rosso fuoco… È scoppiato un incendio al rifugio per animali! Che ne sarà dei cavalli, dei cani, dei gatti che vi sono accolti? E cosa succederà ai tre bassottini appena arrivati, deboli e malati? Forse sarà proprio Piero, il vecchio proprietario della fattoria, a suggerire a Becky una soluzione insolita… Età di lettura: da 7 anni.

Tatjana Gessler
Tre bassottini in pericolo
traduzione di Simone Buttazzi
De Agostini, 2013
ISBN 978-88-418-8691-5
pp 124, con illustrazioni, euro 7,90
disponibile anche in formato eBook: euro 5,99




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)