0
Posted giovedì, 6 febbraio 2014 by Luigi Milani in Mondolibri
 
 

Jack Kirby, The King, oggi come ieri

Jack Kirby, The King, oggi come ieriVent’anni fa, il 6 febbraio 1994, moriva Jack “The King” Kirby, co-creatore di gran parte dell’universo Marvel, della saga di The Fourth World alla D.C. Comics e di una miriade di storie, personaggi e saghe che hanno influenzato intere generazioni di lettori, autori, semplici appassionati.

Nel mio piccolo, Jack Kirby è l’artista che ha plasmato il mio immaginario fin da quando, bambino nei primi anni ’70, mi perdevo nelle incredibili splash page e doppi paginoni popolati da figure epiche e da avveniristiche tecnologie.

Mi riferisco ai primi cento numeri di Fantastic Four, nelle cui pagine gli inchiostri del bravo Joe Sinnott rifinivano magistralmente le matite a tratti aspre del grande Jack, e a Thor, inchiostrato da Vince Colletta, pure quest’ultimo da molti considerato a tratti poco rispettoso del lavoro certosino di Kirby.

Rimanevo incantato a godermi gli infiniti dettagli che arricchivano ogni tavola e vignetta del grande maestro. Mi perdevo nella grandeur cosmica delle storie di Kirby, che andavano ben oltre il facile schematismo di ciò che si pubblicava altrove, presso la Distinta Concorrenza (D.C.), per dirla come usava allora.

Più tardi, quando Kirby – dopo una parentesi trascorsa proprio alla D.C. Comics, dove pure innovò moltissimo – fece ritorno alla Marvel, rimasi quasi smarrito davanti alle sue nuove creazioni, dalla cripto-archeologia de Gli Eterni al recupero in chiave prettamente SF di Capitan America, personaggio creato negli anni Quaranta da un giovanissimo Jack per i testi di Joe Simon.

Oggi, rileggendo quelle storie, ne comprendo meglio la portata innovativa e lo spessore. Penso ad esempio all’elemento di denuncia razziale offerto attraverso il personaggio di Falcon, partner nero di Steve Rogers – Cap.

Oltre al campo del fumetto, Jack Kirby fu molto attivo anche come designer per diversi film hollywoodiani, comprese le mirabolanti scenografie e gli story board concepiti per The lord of Light, finto film la cui storia tormentata è stata di recente ricostruita nel film Argo.

Gli anni sono trascorsi, il mondo del fumetto ha subito profonde trasformazioni, uscendo molto ridimensionato dall’avvento dell’industria dei videogames e anche del Web. Eppure le creazioni di Jack in questi ultimi anni hanno trovato nuova vita al cinema, con i fortunati adattamenti di Thor, Avengers, Iron Man... Per citare un altro grande, Neil Young, “The king is gone but he’s not forgotten”.




Luigi Milani

 
Luigi Milani è giornalista freelance, editor e traduttore. Autore di due romanzi e una raccolta di racconti, ha curato le edizioni italiane degli ultimi due libri di Jasmina Tešanović, Processo agli Scorpioni e Nefertiti (Stampa Alternativa 2008-2009), e le versioni italiane di alcuni racconti di Bruce Sterling (40k eBooks). È tra i fondatori delle Edizioni XII. Vive e lavora a Roma. Per la Graphe.it edizioni dirige la collana di narrativa digitale eTales.