0
Posted 14 Aprile 2014 by Luigi Milani in Mondolibri
 
 

Editoria di trincea

Editoria di trincea

Daniela Di Sora (Voland edizioni), dopo aver scritto una lettera-sfogo a una trentina di colleghi editori, è approdata a una conclusione importante e direi abbastanza incoraggiante e galvanizzante per tutti quelli che, come Graphe.it edizioni, si trovano a navigare nei flutti, mai così agitati, dell’editoria di casa nostra. Riporto un estratto dall’intervento in questione:

Sono rimasta profondamente turbata e comincio a pensare che forse, davvero, si debba resistere a tutti i costi. Il mondo dei libri sa essere bello e generoso, e vale la pena di appartenervi. Riprendiamoci la notte, diceva un vecchio slogan di tanto tempo fa. Riprendiamoci i libri, torniamo a riempire le librerie ma anche le biblioteche, i teatri, i cinema, tutti i luoghi dove la cultura deve tornare a essere viva e vissuta, fatta da noi che non ce la lasciamo imporre.

Continua quindi Daniela Di Sora:

Forse se ci contiamo scopriamo che non siamo poi così pochi. Ripartire dalla cultura non deve diventare un ennesimo vuoto slogan. La cultura è linfa vitale, è sangue, è circolazione di idee. Siamo belli e generosi anche perché siamo curiosi, perché leggiamo, perché ci interessano le storie degli altri. Serve poco a ridare la carica: l’impressione e la convinzione che il tuo lavoro sia necessario, che a qualcuno i tuoi libri e le tue storie interessino davvero.

Se proviamo a “fare sistema”, come si usa dire adesso, tra editori, librai indipendenti e non, autori e operatori culturali in genere, chissà che non si riesca a uscire da questo stato di allerta continua, di crisi perenne – non solo e non tanto economica, ma anche di valori e convinzioni. Riprendiamo davvero a credere al potere salvifico della parola, al ruolo imprescindibile della cultura per la nostra vita. Che poi l’editoria rappresenti anche un importante comparto economico per il nostro Paese, anche questa è o dovrebbe tornare essere una realtà.

Foto | Pixabay




Luigi Milani

 
Luigi Milani è giornalista freelance, editor e traduttore. Autore di due romanzi e una raccolta di racconti, ha curato le edizioni italiane degli ultimi due libri di Jasmina Tešanović, Processo agli Scorpioni e Nefertiti (Stampa Alternativa 2008-2009), e le versioni italiane di alcuni racconti di Bruce Sterling (40k eBooks). È tra i fondatori delle Edizioni XII. Vive e lavora a Roma. Per la Graphe.it edizioni dirige la collana di narrativa digitale eTales.