1
Posted venerdì, 30 maggio 2014 by Roberto Russo in Mondolibri
 
 

Premio Campiello 2014: la cinquina finalista

Premio Campiello 2014: ecco la cinquina finalista

La Giuria dei Letterati del Premio Campiello 2014, presieduta da Monica Guerritore, ha scelto la cinquina finalista della cinquantaduesima edizione del premio letterario promosso da Confindustria Veneto.

Ecco i cinque libri, in ordine alfabetico, che si contenderanno l’ambito premio:

  • Mauro Corona, La voce degli uomini freddi, Mondadori
  • Giorgio Falco, La gemella H, Einaudi
  • Giorgio Fontana, Morte di un uomo felice, Sellerio
  • Fausta Garavini, Le vite di Monsù Desiderio, Bompiani
  • Michele Mari, Roderick Duddle, Einaudi

L’ordine di arrivo è leggermente diverso rispetto a quello alfabetico: guida la cinquina Michele Mari, seguono Mauro Corona e Giorgio Fontana. Alla seconda votazione sono stati scelti il testo di Fausta Garavini e quello di Giorgio Falco.

Ogni membro della Giuria dei Letterati ha espresso la propria personale cinquina e poi, tra quelle che hanno ricevuto almeno sei nomination, è stata scelta la cinquina finalista.

Premio Campiello 2014: la cinquina finalista

Roberto Zuccato, Presidente della Fondazione Il Campiello e di Confindustria Veneto, con la cinquina del Premio Campiello 2014.

Il vincitore assoluto – scelto dalla Giuria dei Lettori, trecento lettrici e lettori di tutta Italia, coperti dall’anonimato – verrà proclamato sabato 13 settembre 2014, a Venezia, dal palco del Teatro La Fenice. I libri selezionati per la cinquina, con i loro autori naturalmente, inizieranno un tour in varie città italiane, a partire da Venezia, con incontri aperti al pubblico: città, date e appuntamenti saranno consultabili sul sito del Premio Campiello.

La Giuria dei Letterati ha anche reso noto il nome del vincitore del Premio Campiello Opera Prima, vale a dire il riconoscimento a un autore al suo esordio letterario: quest’anno vince Stefano Valenti con La fabbrica del panico (Feltrinelli). La motivazione per questo riconoscimento è la seguente:

Il romanzo racconta una storia familiare, che diventa corale di fronte alla malattia e alla morte per amianto. A narrarla, muovendosi per lasse di ricordi, è il figlio quarantenne che sente la necessità e il dovere di stringere un rapporto più ravvicinato col padre, sceso a Milano dalla Valtellina per morire in fabbrica. Un rapporto che ricade sul figlio, il quale risulta sempre più gradualmente ferito dall’ansia di conoscere la verità, arrivando per questa via a ricostruire, non solo nel padre, ma anche nei suoi compagni, il dolore fisico e morale della fabbrica. Il tutto raccontato con uno stile asciutto e tagliente, ma di forte impatto emotivo, che procede lungo il filo di una dolorosa elegia.

Premio Campiello 2014: Giuria dei Letterati Presieduta da Monica Guerritore e il Comitato di Gestione.

Premio Campiello 2014: Giuria dei Letterati Presieduta da Monica Guerritore e il Comitato di Gestione.

Ricordiamo che il Premio Campiello è stato istituito nel 1962 dagli Industriali del Veneto, ed è promosso e gestito dalla Fondazione Il Campiello, composta dalle sette Associazioni Industriali del Veneto e dalla loro Confindustria regionale. Il Campiello è uno dei pochi casi di successo in Italia di connessione concreta e strategica tra mondo dell’impresa e della cultura.

Unica nota dolente: la diretta di RaiNews24, abbastanza superficiale, almeno secondo me. Ridotta a collegamenti di pochissimi minuti è stata più che altro un momento gossipparo che un servizio di supporto alla letteratura. Purtroppo sembra confermato il trend che televisione e libri non possano andare d’accordo.




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.