0
Posted mercoledì, 18 novembre 2015 by Roberto Russo in News culturali
 
 

A Murakami l’Hans Christian Andersen Literature Award 2016

Hans Christian Andersen Literature Award 2016 a Murakami

Hans Christian Andersen Literature Award 2016 a Murakami

Haruki Murakami ha vinto l’Hans Christian Andersen Literature Award 2016 per la “sua capacità di mescolare in forma audace la narrativa classica con la cultura pop, la tradizione giapponese, il realismo magico e la discussione filosofica” che “aumenta il patrimonio artistico dell’arte di Andersen”. Il premio sarà assegnato il prossimo anno a Odense, la terza città più grande della Danimarca, in cui Hans Christian Andersen nacque il 2 aprile 1805.

L’Hans Christian Andersen Literature Awards non è da confondere con l’Hans Christian Andersen Award: pur avendo nome molto simile, il premio Hans Christian Andersen (Hans Christian Andersen Award) è noto anche come il “Piccolo Premio Nobel” della narrativa per l’infanzia. L’Hans Christian Andersen Literature Awards, invece (quello che ha vinto Murakami) è nato nel 2010 e viene assegnato ogni due anni a un autore che in qualche modo ricorda l’opera di Andersen. È uno dei premi letterari più sostanziosi, economicamente parlando: il vincitore riceve, infatti, una somma in denaro di cinquecentomila corone danesi (circa 67mila euro) e una scultura in bronzo del brutto anatroccolo realizzata da Stine Ring Hansen. Il premio viene assegnato da una fondazione privata, in collaborazione con il Comune di Odense.

I vincitori dell’Hans Christian Andersen Literature Awards sono i seguenti:

  • 2007: Paulo Coelho (vincitore onorario, è stato un po’ il precursore del Premio che ufficialmente è nato nel 2010 ma che riconosce in Coelho – premiato dalla città di Odense nel 2007 – il suo primo vincitore)
  • 2010: J. K. Rowling
  • 2012: Isabel Allende
  • 2014: Salman Rushdie
  • 2016: Haruki Murakami

Come ogni premio letterario che si rispetti anche questo ha la sua polemica a seguito: il fatto che a essere premiati siano soltanto autori che hanno venduto molti libri ha portato diversi esponenti del mondo letterario danese a storcere il naso e a porre in dubbio gli effettivi meriti letterari di alcuni dei vincitori.

Foto | wakarimasita of Flickr [CC BY-SA 3.0], attraverso Wikimedia Commons




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.