0
Posted venerdì, 11 dicembre 2015 by Roberto Russo in Zibaldone
 
 

Uno sguardo ai proverbi di Natale

Proverbi di Natale

I più bei proverbi di Natale della tradizione italiana

Come ogni evento importante anche il Natale ha i suoi proverbi. La saggezza popolare si è sbizzarrita nel creare proverbi di Natale e a far entrare questa festività in ogni occasione.

Possiamo raggruppare i proverbi di Natale in quattro sezioni: la prima è quella che riguarda i proverbi generici, poi abbiamo i proverbi natalizi in rapporto alle condizioni climatiche anche con indicazioni per come capire che tempo farà a Natale; seguono una serie di proverbi che mettono a confronto, spesso antitetico, il Natale e la Pasqua; infine troviamo dei proverbi di Natale che pongono in relazione questa festività ad altre nel corso dell’anno.

Qual è il vostro proverbio di Natale preferito?

Proverbi di Natale

  • A Natale, un passo di cane
  • Chi non digiuna la vigilia di Natale, corpo di lupo e anima di cane
  • Chi vuole l’aglio grosso, per Natale lo metta a posto
  • Natale di venerdì, vale due poderi
  • Natale viene una volta all’anno
  • La notte di Natale un bel stellato, nell’annata un bel filugellato
  • Le olive cominciano a far olio quando hanno avuto la novena di Natale
  • Quando Natale vien di domenica, vendi la cappa per comprar la melica
  • Se a Natale poca lana, molto grano e poca pula

Proverbi di Natale e condizioni climatiche

  • A Natale, freddo cordiale.
  • Avanti Natale, il freddo non fa male; da Natale in là, il freddo se ne va.
  • Com’è il tempo a Santa Caterina [d’Alessandria, 25 novembre], così è a Natale.
  • Da Natale in là il freddo se ne va.
  • Disse il freddo alla vecchia: «Per Sant’Andrea [30 novembre] aspettami, se non sono venuto aspettami a Natale, se non ci sono a Natale mai più non mi aspettare».
  • Fino a Natale, né freddo né fame; da Natale in là, freddo e fame in quantità.
  • La neve di Sant’Andrea [30 novembre] l’aspetta, se non a Sant’Andrea a Natale, se non a Natale più non l’aspettare.
  • La neve prima di Natale è madre, dopo è matrigna.
  • Prima di Natale freddo non fa; dopo Natale il gelo è qua.
  • Quando l’angiolo Michele [29 settembre] si bagna l’ale, piove fino a Natale.

Natale e Pasqua nei proverbi

  • A Natale la lepre, a Pasqua la quaglia.
  • A Natale mezzo pane, a Pasqua mezzo vino.
  • Chi fa Natale al sole, fa la Pasqua al fuoco.
  • Natale al balcone, Pasqua al tizzone. Natale al giuoco, Pasqua al fuoco.
  • Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi.
  • Se il Natale è verde, la Pasqua sarà bianca.
  • Se Natale ha i moscerini, Pasqua ha i ghiacciolini.

Proverbi sul Natale e su altre celebrazioni

  • Carnevale in casa d’altri e Natale in casa tua.
  • Chi non gioca a Natale, chi non balla a Carnevale, chi non beve a San Martino [11 novembre], è un amico malandrino.
  • Da San Luca [18 ottobre] a Natale, tutti studiano uguale; da Carnevale a Pasqua, chi studia e chi studiacchia.
  • Da Santa Lucia [13 dicembre] a Natale, il dì allunga un passo di cane.
  • Natale senza denari, Carnevale senza appetito, Pasqua senza devozione, si fanno male.
  • Natale stizzone, Carnevale solleone.
  • Per Sant’Andrea [30 novembre] piglia il porco per la sèa; se tu non lo vuoi pigliare, fino a Natale lascialo andare.
  • Per Santa Lucia [13 dicembre] e per il Natale, il contadino ammazza il maiale.

Via | Dizionario dei proverbi italiani con alcune varianti dialettali
Foto | Wikimedia Commons




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.