0
Posted 24 Marzo 2016 by Natale Fioretto in Mondolibri
 
 

Il libro della giungla: le voci italiane del film tratto dal racconto di Rudyard Kipling

Il libro della giungla: il film tratto dal racconto di Rudyard Kipling

Il libro della giungla: il film tratto dal racconto di Rudyard Kipling

Sta per arrivare nei cinema italiani Il libro della giungla, rivisitazione in chiave live action del celebre classico di animazione della Disney. Il debutto cinematografico è il 14 aprile.

Per le voci italiane è stato messo su un cast veramente promettente: Violante Placido darà la voce a Raksha, la lupa che adotta il cucciolo d’uomo abbandonato nella giungla; la pantera Bagheera avrà la voce di Toni Servillo mentre Neri Marcorè presterà la sua voce all’orso anticonformista Baloo. E ancora: Giancarlo Magalli sarà la voce di Re Luigi mentre il pitone Kaa parlerà grazie a Giovanna Mezzogiorno.

Via | ANSA

Il libro della giungla: nuovo trailer del film tratto dal racconto di Rudyard Kipling

8 febbraio 2016 – La Disney ha rilasciato un nuovo trailer italiano del film Il libro della giungla, pellicola diretta da Jon Favreau che arriverà nei cinema italiani il 14 aprile prossimo.

Il film è realizzato in un mix di CG fotorealistica e performance in motion-capture: il buon Rudyard Kipling ne sarebbe contento, non trovate?

Il libro della giungla: il film tratto dal racconto di Rudyard Kipling

24 dicembre 2015 – Di un testo senza tempo come Il libro della giungla di Rudyard Kipling (1865-1936; Nobel per la letteratura nel 1907) non poteva mancare la trasposizione cinematografica e la Disney colmerà questo vuoto cominciando a partire dal 14 aprile a distribuire il film nella sale.

Nell’originale le pagine dense di immagini e azione mettevano il lettore al centro di un turbinio di eventi che con un ampio dispiegamento di sofisticati mezzi tecnici il regista Jon Favreau (Iron man) ha ricreato, avvalendosi di riprese dal vivo e ambientazioni digitali, il mondo di Mowgli (l’esordiente Neel Sethi), la pantera nera Bagheera e l’orso Baloo. Quanto il lavoro sia stato complesso, lo si può giudicare guardando lo spettacolare teaser trailer italiano arrivato online in questi giorni.

«Il libro della giungla è un’opera che non conosce tempo e che si potrebbe a buon titolo definire universale per le tematiche affrontate, prima fra tutte quella della crescita in cui è impossibile non identificarsi», come giustamente ha messo in evidenza il produttore Brigham Taylor (Pirati dei Caraibi) aggiungendo anche che l’idea “animata” di Walt Disney oggi ha la possibilità di vivere in una nuova, e all’epoca impensabile, dimensione grazie al grande sviluppo della tecnologia digitale in grado di creare e rendere credibili ambientazioni in cui sarebbe oggettivamente impossibile girare un film.

Tuttavia secondo il regista il vero punto di forza de Il libro della giungla si ravvisa nella storia: «Penso che i film debbano offrire un’esperienza emozionante». Quindi Jon Favreau ha spiegato il suo punto di vista: «Un grande spettacolo visivo non ha valore se il pubblico non riesce a creare un legame emotivo con i personaggi. Ogni storia deve possedere umanità, emozioni e umorismo, senza però tradire le intenzioni del film. L’obiettivo è quello di trasportare il pubblico in un’avventura. Il pubblico vuole il brivido, il divertimento. Ho cercato di fare un film che vorrei vedere anch’io».

Via | ADNKronos




Natale Fioretto

 
Natale Fioretto è docente di lingua italiana e di traduzione dal russo presso l’Università per Stranieri di Perugia. Si occupa da anni di metodologia dell’insegnamento della lingua italiana come L2. È appassionato di Valdo di Lione e Francesco d’Assisi.