0
Posted 19 Aprile 2016 by Roberto Russo in News culturali
 
 

Premio Pulitzer 2016: i vincitori della sezione fiction, drama and music

Viet Thanh Nguyen, vincitore del Premio Pulitzer 2016 per la sezione fiction con il romanzo The Sympathizer

Viet Thanh Nguyen, vincitore del Premio Pulitzer 2016 per la sezione fiction con il romanzo The Sympathizer

È uno scrittore esordiente di origini vietnamita ad aggiudicarsi il Premio Pulitzer 2016 per la narrativa: si tratta di Viet Thanh Nguyen (classe 1971, in foto) e il titolo del suo romanzo è The Sympathizer, storia di immigrati narrata da un punto di vista particolare. The Sympathizer prima del Pulitzer ha portato a casa vari riconoscimenti (Center for Fiction First Novel Prize, il Carnegie Medal for Excellence in Fiction dell’American Library Association e l’Asian/Pacific American Award for Literature per la fiction dell’Asian/Pacific American Librarians Association), oltre a essere finalista in diversi altri riconoscimenti ed essere stato inserito in varie liste dei “libri dell’anno” come quelle del The New York Times (compresa NYT Editor’s Choice), The Guardian, The Wall Street Journal, Slate.com, Amazon.com e The Washington Post. Viet Thanh Nguyen è esordiente nel campo dei romanzi, ma alle spalle ha diversi racconti e saggi.

Da notare anche il Pulitzer 2016 alla saggistica a Joby Warrick per Black Flags. The Rise of ISIS che spiega con estrema chiarezza “come la logica viziata della guerra in Iraq abbia portato alla crescita esplosiva dello Stato Islamico”.

Il premio Pulitzer è giunto nel 2016 alla sua centesima edizione e, come è noto, è un riconoscimento per il giornalismo, la letteratura, la drammaturgia e la musica. I vincitori delle varie sezioni ricevono una ricompensa di diecimila dollari mentre chi vince nella categoria “giornalismo per il bene pubblico” si aggiudica una medaglia d’oro.

Premio Pulitzer 2016 per la letteratura, la drammaturgia e la musica

Per quel che riguarda la letteratura, la drammaturgia e la musica, questi sono i vincitori:

  • Narrativa (Fiction): The Sympathizer di Viet Thanh Nguyen (Grove Press)
  • Drammaturgia (Drama): Hamilton di Lin-Manuel Miranda
  • Storia (History): Custer’s Trials. A Life on the Frontier of a New America di T. J. Stiles (Alfred A. Knopf)
  • Biografia (Biography or Autobiography): Barbarian Days. A Surfing Life di William Finnegan (Penguin Press)
  • Poesia (Poetry): Ozone Journal di Peter Balakian (University of Chicago Press)
  • Saggistica (General Nonfiction): Black Flags. The Rise of ISIS, di Joby Warrick (Doubleday)
  • Musica (Music): In for a Penny, In for a Pound, di Henry Threadgill (Pi Recordings)

Foto | Facebook




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.