0
Posted 4 Dicembre 2016 by Roberto Russo in Zibaldone
 
 

Tutti i vincitori dei Macchianera Internet Awards 2016

Macchianera Internet Awards 2016

Macchianera Internet Awards 2016

All’interno della Festa della Rete – «evento che riunisce, ogni anno, tutto ciò che in Italia gravita attorno alle community della rete, che abbiano origine dai blog, da Facebook, da Twitter, dalle chat e dai forum e da qualsiasi altra forma sociale di comunicazione» – si è tenuta l’assegnazione dei Macchianera Internet Awards 2016, gli «Oscar della rete».

La Festa della Rete quest’anno si è tenuta presso lo IULM Open Space di Milano e la serata di assegnazione dei Macchianera Internet Awards 2016 è stata condotta da Gianluca Neri e Margherita Zanatta, con la partecipazione di Martina Dell’Ombra e Gianluca Gazzoli. (Per inciso, far partecipare alla conduzione due persone candidate ai Macchianera Internet Awards 2016 – miglior personaggio-influencer per la prima e miglior rivelazione per il secondo – mi sembra un po’ discutibile come scelta, ma questo è un altro discorso).

Chi ha vinto i Premi della Rete, allora? Il meccanismo di voto, come è noto, è organizzato in due parti: prima la «rete» effettua le candidature per le varie categorie e poi si passa alla votazione delle nomination e alla votazione vera e propria.

Macchianera Internet Awards 2016: i vincitori

Ecco l’elenco dei vincitori dei Macchianera Internet Awards 2016. I votanti sono stati 127.358 e i singoli voti 2.532.145.

  • Miglior articolo: La vignetta di Charlie Hebdo spiegata a mia madre (I hate Milano)
  • Miglior battuta: «Lascia il cane in auto sotto il sole. Giovane studente vince MasterChef Cina» (Lercio)
  • Miglior brand online: Amazon
  • Miglior canale TV: Netflix
  • Miglior chef: Chef Rubio
  • Miglior community: Feudalesimo e libertà
  • Miglior disegnatore-vignettista: Zerocalcare
  • Miglior foodblogger: Chiara Maci
  • Miglior hashtag#webeti
  • Miglior pagina Facebook: Commenti memorabili
  • Miglior personaggio-influencer: Enrico Mentana
  • Miglior polemica online: Gianni Morandi vs week-end senza supermercati
  • Miglior radio: Radio Deejay
  • Miglior rivelazione: Tess Masazza
  • Miglior sito cinematografico: MyMovies
  • Miglior sito di economia: Goofynomics
  • Miglior sito di Satira: Lercio
  • Miglior sito di viaggi: Airbnb
  • Miglior sito educational-tecnico-divulgativo: Salvatore Aranzulla
  • Miglior sito Fashion & Beauty: The Blonde Salad (Chiara Ferragni)
  • Miglior sito food: Giallo Zafferano
  • Miglior sito letterario: Libreriamo
  • Miglior sito LGBT: Bossy
  • Miglior sito musicale: Rockol
  • Miglior sito per genitori e bambini: Pianeta Mamma
  • Miglior sito politico-d’opinione: Breaking Italy
  • Miglior sito televisivo: Davide Maggio
  • Miglior sito: Lercio
  • Miglior snapchatter: Francesca Crescentini (Tegamini)
  • Miglior startup italiana: Oilproject
  • Miglior testata giornalistica online: Il Post
  • Miglior testata giornalistica: Il fatto quotidiano
  • Miglior trasmissione televisiva: Crozza nel Paese delle meraviglie
  • Miglior Tweeter-Periscope: @fiorello
  • Miglior web agency italiana: We are social
  • Miglior Youtuber: Clio Make Up
  • Migliore radio o podcast online: Scientificast
  • Peggior cattivo online: Matteo Salvini

Non è stato assegnato, almeno a quanto ci risulta, il premio come Miglior Instragram; in precedenza non era entrato nella lista delle votazioni nemmeno il Miglior Tumblr.

I nostri migliori complimenti a tutti e, considerato l’argomento del nostro blog, in particolare a Libreriamo, votato come miglior sito letterario.

Foto | Facebook




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.