0
Posted sabato, 24 Giugno 2017 by Luigi Milani in Recensioni
 
 

Italo Insolera, oltre la nostalgia del passato

Italo Insolera, il bianco e il nero delle città. Immagini 1951-1984
Italo Insolera, il bianco e il nero delle città. Immagini 1951-1984

Italo Insolera, scomparso nel 2012, è stato un apprezzato architetto, urbanista e storico, nonché autore del testo fondamentale Roma moderna (Einaudi). Ma Insolera ha svolto anche un’intensa e proficua attività di fotografo, inizialmente concepita come mero strumento per documentare la propria attività.

Italo Insolera, il bianco e il nero delle città

In realtà il pensiero – articolato, complesso, ma ben definito – sui processi urbani di sviluppo e trasformazione è ampiamente rappresentato proprio nelle fotografie, rigorosamente in bianco e nero, delle sue città. In tal senso non è improprio affermare che l’Insolera fotografo completi e integri l’Insolera urbanista e storico. Si tratta infatti, ad esempio nel caso di Roma, di foto scattate nel tentativo di salvaguardare la memoria di un patrimonio culturale e ambientale da difendere contro un’urbanizzazione selvaggia e squallidamente «palazzinara», irrispettosa della memoria storica della città e dei suoi abitanti.

Ma c’è dell’altro. Spesso gli scatti di Insolera colgono con occhio ironico la quotidianità e la bizzarria della vita dell’uomo immerso in contesti non solo urbani, come testimoniato dalle immagini rurali e d’ambientazione provinciale ospitate nella bella mostra allestita al Museo di Roma in Trastevere. L’esposizione, curata da Cristina Archinto e Alessandra Valentinelli, comprende ciquanta immagini inedite, scattate da Italo Insolera a partire dal dopoguerra fino ai primi Ottanta.

Particolarmente suggestive a mio parere risultano le immagini che testimoniano i cambiamenti in atto nella Capitale, una delle città che più è andata soggetta – e lo è tuttora, a dire il vero – a forti tensioni socio-abitative. Ma anche le immagini taglienti della Sardegna e della Valnerina lasciano il segno, nella loro lucida rappresentazione di scorci paesaggistici e umanità oggi andati purtroppo perduti.

Segnalo inoltre che in occasione della mostra è uscito, per i tipi di Palombi Editore, il volume Italo Insolera, fotografo, contenente duecento fotografie scelte tra le sequenze realizzate nel corso degli anni nella Capitale, nei viaggi e nei luoghi dove Insolera agì in qualità di urbanista.

Dati della mostra

Italo Insolera, il bianco e il nero delle città. Immagini 1951-1984
12 maggio > 9 luglio 2017
Museo di Roma in Trastevere
Piazza di Sant’Egidio, 1/b Roma
00153 Roma
Tel 06.06.08

Foto | Museo di Roma in Trastevere




Luigi Milani

 
Luigi Milani è giornalista freelance, editor e traduttore. Autore di due romanzi e una raccolta di racconti, ha curato le edizioni italiane degli ultimi due libri di Jasmina Tešanović, Processo agli Scorpioni e Nefertiti (Stampa Alternativa 2008-2009), e le versioni italiane di alcuni racconti di Bruce Sterling (40k eBooks). È tra i fondatori delle Edizioni XII. Vive e lavora a Roma. Per la Graphe.it edizioni dirige la collana di narrativa digitale eTales.