0
Posted venerdì, 12 gennaio 2018 by Giorgio Podestà in Mondolibri
 
 

Giuseppe Rovani, precursore della scapigliatura

Giuseppe Rovani (1818–1874)
Giuseppe Rovani (1818–1874)

Per questo nostro breve scritto commemorativo, dove campeggia la figura infelice e sfortunata di Giuseppe Rovani (1818–1874) potremmo prendere il la (certi di essere nel giusto) da una celebre frase di Cletto Arrighi: «Tutti amarono l’arte con geniale sfrenatezza; la vita uccise i migliori». Poche righe per tratteggiare con tagliente precisione la breve esistenza di tanti artisti e intellettuali che – in reazione al perbenismo borghese e al romanticismo di maniera imperante in Italia in quegli anni di metà Ottocento – si trovarono ben presto ai margini della società. A loro fu dato il nome mosso e inquieto di scapigliati.

Tuttavia la scapigliatura non ebbe mai un proprio manifesto, ma influenzata dal maledettismo baudelairiano e dal romanticismo europeo cercò di sprovincializzare la cultura del nostro paese, portando in primo piano il contrasto tra artista e società, evidenziando nella varie opere che, videro la luce in quegli anni inquieti, gli aspetti patologici e deformi della vita umana. Tra questi precursori del naturalismo va certo annoverato Giuseppe Rovani.

I romanzi di Giuseppe Rovani

Con i suoi romanzi Lamberto Malatesta e Manfredo Pallavicino, lo scrittore milanese si oppose subito e caparbiamente al romanzo storico di stampo romantico, ma fu con Cento anni che Rovani fece da apripista al rinnovamento del romanzo italiano.

Legato da grande amicizia con Carlo Cattaneo di cui (almeno secondo il Tommaseo) cercò di imitarne anche lo stile, Giuseppe Rovani per sbarcare il lunario e soddisfare le costose stravaganze della giovane e capricciosissima moglie si arrabattò costantemente tra insegnamento e giornalismo, mentre le sue energie fisiche e mentali soccombevano giorno dopo giorno alla forza distruttrice dell’alcol. Lo scrittore morì, infatti, in gravi ristrettezze economiche nel gennaio del 1874 dopo essere stato ricoverato nella medesima casa di cura dove anni prima era morto anche il padre, orafo (così perlomeno ci dicono le note biografiche di Rovani) di scarsa intraprendenza e fortuna.

Foto | Di sconosciuto (Illustrazione – Rivista italiana, 1874) [Public domain], attraverso Wikimedia Commons




Giorgio Podestà

 
Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon).