0
Posted domenica, 22 luglio 2018 by Luigi Milani in Recensioni
 
 

Leggere eBook su iPad e iPhone: dal lettore fisico all’app



Oltre ai lettori di eBook «fisici», come i vari modelli di Kindle e Kobo, è possibile leggere le nostre amate pubblicazioni digitali anche su smartphone e tablet, apparecchi – specialmente i primi – divenuti ormai dotazione pressoché inseparabile, a volte anche opprimente, della maggior parte di noi.

Cominciamo col dire che in questi ultimi anni si è assistito a una crescita generosa delle dimensioni degli schermi degli smartphone, il che ha senz’altro reso la lettura più agevole che in passato. Restando in ambito iOS, secondo le ultime statistiche la maggior parte degli utenti iPhone predilige schermi non inferiori ai 4,7 pollici dell’iPhone 6s.

Ma torniamo all’oggetto di questa breve guida. In generale l’operazione di lettura degli eBook è resa possibile grazie ad alcune specifiche app, disponibili per le principali piattaforme mobili, ossia iOS e Android.

La piattaforma iOS

Nella prima puntata di questa nostra carrellata ci occuperemo delle principali applicazioni utilizzabili in ambito iOS, il sistema operativo che, com’è noto, sovrintende al funzionamento dei dispositivi mobili prodotti da Apple, ossia iPhone e iPad. Per ragioni di brevità ignoreremo volutamente le app minori, facilmente scaricabili e testabili da chiunque lo desideri.

Leggere eBook su iPad e iPhone

Cominciamo dunque la nostra rassegna dal programma che troviamo preinstallato in tutti i dispositivi iOS, ossia l’ormai più che collaudato iBooks.

Leggere eBook su iPad e iPhone: iBooks

Leggere eBook su iPad e iPhone: iBooks

iBooks

iBooks offre naturalmente l’accesso all’iBooks Store di Apple, che propone in vendita un’ampia selezione di titoli dei principali editori. L’app inoltre si sincronizza con l’account iCloud, abbinato necessariamente a ciascun utente iOS, così da consentire l’accesso e la sincronizzazione dei contenuti sulle varie periferiche della Mela Morsicata.

L’app presenta quelle che ormai sono caratteristiche comuni alla maggior parte di lettori di eBook: è possibile selezionare porzioni di testo, aggiungere note o commenti, personalizzare le dimensioni dei caratteri, lo sfondo, e così via.

iBooks consente inoltre la lettura dei file PDF, formato da sempre diffusissimo e universalmente accettato per condividere testi e documenti con formattazioni anche complesse.

Rispetto alla concorrente app per Kindle – di cui ci occuperemo tra poco – iBooks è forse meno avanzato per quanto concerne la gestione d’insieme e la personalizzazione avanzata, ma del resto non tutti i lettori sono interessati a un utilizzo “spinto” delle app, quindi riteniamo che certe carenze potrebbero anche passare abbastanza inosservate.

Segnaliamo per finire che una nuova versione di iBooks è prevista in occasione del rilascio dell’imminente iOS 12, nuova attesissima versione del sistema operativo di Apple, in arrivo come sempre dopo l’estate.

Leggere eBook su iPad e iPhone: Kindle

Leggere eBook su iPad e iPhone: Kindle

Kindle

In maniera analoga alla controparte iBooks, l’app Kindle di Amazon consente l’accesso alla propria libreria di eBook, oltre che la consultazione della vetrina del vasto catalogo di eBook disponibili per Kindle. Al ruguardo, bisogna ammettere che in linea di massima è raro non riuscire a reperire libri in versione Kindle, il che non sempre avviene invece per iBooks.

Segnalo però una noiosa limitazione rispetto ad iBooks: l’app Kindle non consente l’acquisto diretto dei libri. È possibile solo scaricarne un estratto o aggiungerli alla cosiddetta lista dei desideri. Di conseguenza per acquistare un eBook di nostro interesse è necessario aprire un browser e operare direttamente dal sito Web: tutti passaggi che risultano francamente noiosi e ridondanti.

Quanto alle funzioni relative alla lettura, l’app, come accennavamo sopra, offre qualche possibilità in più rispetto ai concorrenti, specie sul fronte della gestione dell’aspetto del testo e dello sfoglio delle pagine. 

Leggere eBook su iPad e iPhone: Bluefire Reader

Leggere eBook su iPad e iPhone: Bluefire Reader

Bluefire Reader

E veniamo a Bluefire Reader. Si tratta di un app in un certo senso inevitabile nella dotazione degli appassionati di eBook.

Il motivo è presto detto: dal momento che alcuni editori si ostinano tuttora a proteggere i loro eBook ricorrendo agli odiosi e scomodissimi DRM di Adobe – sorta di lucchetti digitali che, lungi dall’arginare la pirateria, complicano invece maledettamente la vita ai lettori onesti – Bluefire è in grado di gestire i malefici DRM. A patto naturalmente di aver fatto la debita, non meno tediosa registrazione sul sito Adobe.

Sul fronte dell’utilizzo, Bluefire si presenta a onor del vero un po’ scarno. Consente le abituali funzioni, quali l’inserimento di segnalibri e note, nonché l’evidenziazione del testo, ma poco più. Del resto, come ripetiamo, si tratta di una sorta di male necessario per poter far fronte all’odiosa pratica dei DRM.

Leggere eBook su iPad e iPhone: Google Play Books

Leggere eBook su iPad e iPhone: Google Play Books

Google Play Books

Pensato per le innumerevoli schiere di utenti Google e Android, Google Play Books svolge lo stesso compito delle analoghe app già passate in rassegna.

Consente dunque la gestione e la lettura di libri, fumetti, riviste, documenti e così via, con la possibilità ormai scontata di sincronizzare i contenuti tra i vari dispositivi, piattaforma Android compresa. Di fatto anzi, se si dispone di periferiche “miste”, ossia funzionanti su iOS e Android, l’app di Google funge da solido ponte tra le piattaforme, svincolando l’utente dalla necessità di rimanere ancorato a uno specifico sistema operativo.

Anche per Google Play Books vale il medesimo discorso fatto poc’anzi: l’app presenta tutte le principali opzioni di utilizzo alle quali ci hanno ormai abituato i vari programmi per eBook.

Leggere eBook su iPad e iPhone: Kobo Books

Leggere eBook su iPad e iPhone: Kobo Books

Kobo Books

L’app di lettura Kobo nelle ultime versioni è stata notevolmente migliorata rispetto al passato. Un esempio, la schermata di base può essere personalizzata inserendovi le proprie raccolte di eBook o di altri elementi acquistati in precedenza.

Come sempre è possibile leggere gli eBook nel tipico formato verticale o in quello orizzontale. A livello estetico si possono impostare diversi sfondi, nell’intento, diciamocelo, un po’ utopistico, di riprodurre “l’effetto carta”.

A livello funzionale l’app presenta alcune importanti limitazioni relative alla formattazione del testo, che ci si augura siano corrette.

La principale negatività dell’app consiste però nell’impossibilità di fare acquisti diretti dall’interno dell’applicazione. Bisogna dunque, analogamente a quanto avviene per l’app Kindle, raggiungere il relativo sito Web e da qui procedere all’acquisto.


Per ora è tutto. Appuntamento alla prossima puntata, che vedrà protagonista la piattaforma Android.

Foto | Pixabay




Luigi Milani

 
Luigi Milani è giornalista freelance, editor e traduttore. Autore di due romanzi e una raccolta di racconti, ha curato le edizioni italiane degli ultimi due libri di Jasmina Tešanović, Processo agli Scorpioni e Nefertiti (Stampa Alternativa 2008-2009), e le versioni italiane di alcuni racconti di Bruce Sterling (40k eBooks). È tra i fondatori delle Edizioni XII. Vive e lavora a Roma. Per la Graphe.it edizioni dirige la collana di narrativa digitale eTales.