0
Posted giovedì, 21 Marzo 2019 by Giorgio Podestà in Mondolibri
 
 

Libri per anziani: è la prossima tendenza letteraria?

Libri per anziani
Libri per anziani

Il mondo, ce lo dicono ormai da tutte le parti, invecchia. La popolazione anziana, soprattutto nelle nazioni più sviluppate del pianeta, cresce a dismisura. Una realtà che indubbiamente presenta molte sfaccettature e in alcuni casi vere e proprie problematiche.

Tuttavia per noi amanti appassionati della lettura a 360 gradi, non può certo passare inosservata la ghiotta notizia giunta dal Giappone, dove, a quanto pare, la terza età non langue, ma ruggisce con forza. Nell’arcipelago nipponico è infatti vero e proprio boom di libri sulla vecchiaia. Non solo, ma gli autori stessi veleggiano ben oltre i sessant’anni di età.

Libri per anziani e scritti da anziani

Nomi fino ao oggi sconosciuti che con i loro tardivi exploit letterari sono diventati in quattro e quattr’otto degli inarrivabili best-seller (citiamo al volo la novantacinquenne Aiko Sato che nel 2017 ha venduto un milione di copie con un saggio proprio sulla vecchiaia) o si sono addirittura accaparrati riconoscimenti prestigiosi come il premio Akutagawa (e qui ricordiamo il caso di Chisako Wakatake, autrice sessantatreenne di Vivere da sola).

Un fenomeno questo non del tutto nuovo, almeno per quanto riguarda l’età avanzata degli scrittori. Ci basta infatti pensare a una scrittrice di grande fama e reputazione come George Eliot che pubblicò il suo primo romanzo a quatant’suonati (ed eravamo in piena epoca vittoriana, quando l’età media di vita non era particolarmente alta). Non solo, ma per scrivere quello che oggi viene considerato il suo indiscusso capolavoro Middlemarch, la Eliot dovette aspettare ben altri dodici anni.

Le nuove frontiere della letteratura

Oggi il tema della vecchiaia ha certamente un aspetto ancora più vasto e ramificato e il successo di questi autori del Sol levante sembra aprire non soltanto un nuovo filone letterario, ma anche una naturale tendenza del mercato dei libri.

Con una popolazione sempre più in là con gli anni, la letteratura di anziani per gli anziani sarà con tutta probabilità uno dei capisaldi del mondo dell’editoria e non solo nel lontano Giappone.

Insomma è possibile inforcare occhiali e penna anche a novant’anni, fare incetta di premi e capeggiare per un intero anno – scusate se è poco – l’agognata lista dei best-seller.

Foto | Jilbert Ebrahimi via Unsplash




Giorgio Podestà

 
Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon).