0
Posted sabato, 24 Agosto 2019 by Giorgio Podestà in Mondolibri
 
 

Il mestiere di libraio: quando a farlo sono scrittrici e scrittori famosi

Il mestiere di libraio: quando a farlo sono scrittrici e scrittori famosi
Il mestiere di libraio: quando a farlo sono scrittrici e scrittori famosi

La vita può essere tragica e burlona, giusta e iniqua. Ecco che ora ci porta per sentieri sconosciuti e scoscesi, ora a vele beatamente spiegate per mari tutti assolati. Tanti fattori entrano, insomma, ogni volta in gioco, rimescolando di continuo e senza sosta le carte. Tuttavia per essere uno scrittore coi fiocchi è sempre bene leggere molti libri, confrontarsi di continuo con piccoli e grandi romanzieri, avere un contatto quotidiano con storie e racconti.

Così non ci meraviglia certo scoprire che molti famosi autori hanno nel corso della loro vita lavorato in libreria, venduto al dettaglio decine di volumi, allineato su mobili e scaffali le opere di scrittori e poeti di ogni dove.

8 famosi autori che hanno svolto il mestiere di libraio

Naturalmente non tutti i librai finiscono con la penna in mano (Audrey Hepburn in Cenerentola a Parigi ad esempio passerà da un austero bookstore di New York ai vorticosi set di moda della capitale francese). Ma noi siamo qui per concentrarci su quei nomi che dalla libreria sono invece passati con nonchalance allo scrittoio, dalla vendita diretta di questo o quel romanzo alla stesura di un proprio, insperato best seller.

Jonathan Lethem

Autori di romanzi come La fortezza della solitudine e il recentissimo Un detective selvaggio (La nave di Teseo), Jonathan Lethem ha lavorato presso diverse librerie di Berkeley e, nonostante il grande successo, gestisce ora un proprio bookstore a New York. Certe passioni non si dimenticano mai!

Louise Erdrich

Il suo romanzo La casa tonda le ha fruttato un prestigiosissimo riconoscimento come il National Book Award. Considerata da più critici come un nome di punta della nuova ondata del cosiddetto Rinascimento dei nativi d’America, Erdrich è proprietaria (tenacissima) di una libreria indipendente di Minneapolis.

Emma Straub

L’autrice di Ultima diva (Mondadori) ha senza ombra di dubbio il mestiere del libraio nel sangue. Dopo che il bookstore in cui lavorava ha chiuso, ha pensato bene di aprirne uno tutto suo insieme al marito. Il nome? Books are magic. Più azzeccato di così!

Patti Smith

Un’icona della musica, una poetessa che sferza con le parole. Il suo romanzo di memorie Just kids si è portato a casa il National Book Award per la saggistica. Tuttavia prima di essere tutto questo, di raggiungere il successo mondiale, Patti Smith ha lavorato anche presso un celebre bookstore della Grande Mela. Un’artista, non vi è dubbio, a tutto tondo.

Irene Brin

La grande giornalista di moda e costume che, negli anni ’50, lanciò il Made in Italy in tutto il mondo, non fu solo una gallerista di spicco della Capitale, una traduttrice raffinata, ma anche commessa presso La Margherita, libreria d’arte che permise alla scrittrice di fare incontri e scoperte davvero indimenticabili.

Adam Wilson

Il suo romanzo d’esordio Alta definizione ha ottenuto recensioni a cinque stelle. Enorme deve essere stata la soddisfazione del giovane scrittore quando il libro è arrivato poi, fresco di stampa, tra gli scaffali della libreria in cui lavorava.

Justin Torres

Autore celebrato per il suo libro d’esordio Noi, animali (Bompiani) e ora professore presso l’Università della California di Los Angeles, Justin Torres ha lavorato per anni presso una libreria. Lì lo scrittore si è fatto certamente le ossa.

George Orwell

Un impiego preso in tutta probabilità per sbarcare il lunario, ma il contatto quotidiano con l’atmosfera del Booklovers’ corner fece certamente bene all’illustre padre di 1984.

Via | Electric Literature
Foto | Kévin Langlais via Unsplash




Giorgio Podestà

 
Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon).