0
Posted giovedì, 29 Agosto 2019 by Nymeria in Zibaldone
 
 

Belle frasi da scrivere sul diario di scuola

Frasi da scrivere sul diario di scuola
Frasi da scrivere sul diario di scuola

La seconda metà del mese di agosto porta con sé sempre un po’ di tristezza: l’estate sta volgendo inesorabilmente al termine e fra un po’ ricominceranno le scuole con tutti gli impegni che questo comporta.

Accessorio irrinunciabile per ogni studente è il diario: non solo un posto dove scrivere compiti e avvisi degli insegnanti (e si spera non note), ma anche dove annotare i pensieri e tutte le frasi e le citazioni che caratterizzeranno quell’anno scolastico.

Ecco alcune frasi da scrivere sul diario di scuola, da quelle più divertenti a quelle più riflessive.

Frasi da scrivere sul diario di scuola, tanto divertenti quanto profonde

Oltre alle frasi da scrivere sul diario di scuola, vi diamo un consiglio. Lasciate sempre dello spazio anche per le frasi che vi colpiranno di più durante l’anno scolastico: il diario di uno studente è qualcosa di vivo e mutevole che, ogni giorno, riflette i pensieri più profondi del suo proprietario.

Frasi divertenti da scrivere sul diario scolastico

  • A quattordici anni non hai bisogno di una malattia o della morte per la tragedia. (Jessamyn West)
  • I giovani hanno sempre lo stesso problema: come riuscire a ribellarsi e conformarsi al tempo stesso. Adesso lo hanno risolto ribellandosi ai genitori e copiandosi a vicenda. (Quentin Crisp)
  • Il vero terrore è svegliarsi una mattina e scoprire che i tuoi compagni delle superiori stanno governando il paese. (Kurt Vonnegut)
  • L’istruzione è ciò che resta dopo che uno ha dimenticato tutto quello che ha imparato a scuola. (Albert Einstein)
  • La scuola è imparare quello che non sapevi nemmeno di non sapere. (Daniel J. Boorstin)
  • Non potrò mai divertirmi di domenica, perché non riesco a dimenticare che l’indomani ho scuola. (Bill Waterson)

Frasi riflessive da scrivere sul diario

  • C’è tutta una letteratura sul fatto dei due vecchi compagni di scuola che si incontrano da adulti e poi uno dei due non riconosce l’altro e finge invece di ricordarsi benissimo. A me questo non è mai capitato, io mi sono sempre ricordato dei compagni di scuola, a cominciare da quelli delle scuole elementari e quelli del liceo. Non quelli dell’Università, perché all’Università si hanno compagni spuri, ma quelli che erano compagni di classe veri, quelli vicini di banco, quelli che stanno dietro, quelli sì che te li ricordi. (Andrea Camilleri)
  • Che stagione, l’adolescenza. Senti di poter esser tutto e ancora non sei nulla e proprio questa è la ragione della tua onnipotenza mentale. Non hai confini, l’immaginazione può spaziare ovunque. (Eugenio Scalfari)
  • Che strano che un giovane debba sempre pensare che il mondo è contro di loro – quando in realtà è l’unica volta che è con loro. (Mignon McLaughlin)
  • Chi è amico di tutti non è amico di nessuno. (Arthur Schopenhauer)
  • Forse non esistono nemmeno amici buoni o cattivi, forse ci sono solo amici, persone che prendono le tue parti quando stai male e che ti aiutano a non sentirti solo. (Stephen King)
  • I giovani tendono a ignorare le tradizioni dei loro padri. La ribellione adolescenziale è stata responsabile dei più assurdi costumi. Più in certo modo è ridicolo, più gli adolescenti si aggrappano ad esso. (David Eddings)
  • I sogni sono risposte a domande che non abbiamo ancora capito come formulare. (X-Files)
  • Il futuro è molto aperto, e dipende da noi, da noi tutti. Dipende da ciò che voi e io e molti altri uomini fanno e faranno, oggi, domani e dopodomani. E quello che noi facciamo e faremo dipende a sua volta dal nostro pensiero e dai nostri desideri, dalle nostre speranze e dai nostri timori. Dipende da come vediamo il mondo e da come valutiamo le possibilità del futuro che sono aperte. (Karl Popper)
  • Il futuro, significa perdere quello che si ha ora, e veder nascere qualcosa che non si ha ancora. (Haruki Murakami)
  • L’amicizia nasce nel momento in cui una persona dice a un’altra: “Cosa? Anche tu? Credevo di essere l’unica”. (C. S. Lewis)
  • La scuola è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo. (Malcom X)
  • La scuola non è la vita; nella scuola si sogna, nella vita bisogna adattarsi. Questa è la realtà. Non si diventa mai quello che si vuole. (Ignazio Silone) Molte persone entreranno ed usciranno dalla tua vita, ma soltanto i veri amici lasceranno impronte nel tuo cuore. (Eleanor Roosevelt)
  • Non ridere di un giovane per i suoi vezzi; sta cercando solo una faccia dopo l’altra per trovare la sua vera faccia. (Logan Pearsall Smith)
  • Possibile che a 16 anni sei convinto che la vita sia la scuola e la scuola sia la vita? Che l’inferno siano i prof e il paradiso i giorni di vacanza? Che i voti siano il giudizio universale? È possibile che a 16 anni il mondo abbia il diametro del cortile della scuola? (Alessandro D’Avenia)
  • Prendete i vostri libri e le vostre penne, sono la vostra arma più potente. Un bambino, un insegnante, una penna e un libro possono cambiare il mondo. (Malala)
  • Quando avevo cinque anni, mia madre mi ripeteva sempre che la felicità è la chiave della vita. Quando andai a scuola mi domandarono come volessi essere da grande. Io scrissi: felice. Mi dissero che non avevo capito il compito, e io dissi loro che non avevano capito la vita. (John Lennon)
  • Ricordati di criticare tuo padre e tua madre, di difendere i tuoi diritti, compreso quello del rischio e dell’errore. Ma amali sempre. (Vittorino Andreoli)
  • Se giudichi le persone, non avrai tempo per amarle. (Madre Teresa di Calcutta)
  • Se sognare un po’ è pericoloso, il rimedio non è sognare di meno ma sognare di più, sognare tutto il tempo. (Marcel Proust)
  • Una buona testa e un buon cuore sono una combinazione formidabile. Ma quando ci aggiungi una lingua o una penna colta, allora hai davvero qualcosa di speciale. (Nelson Mandela)

Foto | Pixabay




Nymeria

 
Nerd inside, come scopo nella vita sto cercando di leggere tutta la letteratura fantasy possibile e immaginabile.. Beh, poi ci sono anche i manga, i videogiochi, i telefilm, i film... ce la farò?