0
Posted sabato, 31 Agosto 2019 by Graphe.it in Zibaldone
 
 

Amrita Pritam, madre della letteratura punjabi

100° anniversario della nascita di Amrita Pritam
100° anniversario della nascita di Amrita Pritam

Scrittrice, poeta e saggista indiana, Amrita Pritam è stata la prima donna scrittrice in punjabi, la lingua parlata nelle regioni del Punjab, in India (Punjab indiano) e Pakistan (Punjab pakistano). Lo stile lirico e profondo della sua penna ha segnato la letteratura del suo paese per sei decenni.

Tra le sue opere si trovano oltre cento scritti, i più significativi dei quali sono Ajj aakhaan Waris Shah nu (Oggi invoco Waris Shah) e Pinjar. Il primo è un poema ispirato agli orrori avvenuti durante la separazione tra India e Pakistan nel 1947, mentre il secondo è un romanzo che narra la disuguaglianza tra uomini e donne e che è diventato un film nel 2003. Scrisse anche una serie di poesie cosiddette Lok Peed (che potremmo tradurre con «l’angoscia delle persone») sulla grande carestia che scosse il Bengala nel 1943.

Per il 100° anniversario della nascita di Amrita Pritam (che cade oggi, 31 agosto 2019), Google le ha dedicato un doodle in cui è ritratta intenta a scrivere.

Chi era Amrita Pritam

Amrita Pritam nacque il 31 agosto 1919 in seno a una famiglia religiosa a Gujranwala, città che oggi appartiene al Pakistan. A undici anni perse la madre il che la condusse a dover crescere in fretta. E nella scrittura trovò consolazione. La sua prima pubblicazione – Amrit Lehran, antologia poetica – vide la luce quando aveva sedici anni. A quella stessa età si sposò per poi divorziare nel 1960. La fine del suo primo matrimonio la portò a rafforzare la propria autonomia, di cui poi scrisse nelle sue opere. In seguito si sposò di nuovo, con il suo editore, e la loro unione fu lunga.

Oltre alla scrittura Amrita Pritam si distinse per la sua profonda umanità. Prese parte a varie opere caritatevoli e si unì al Movimento di Scrittrici Progressiste che lottava per gli ideali di emancipazione del popolo indiano.

Vincitrice di diversi premi e acclamata come la pioniera della letteratura punjabi, Amrita Pritam morì a Delhi il 3 ottobre 2005. Aveva 86 anni.




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)