Random Article


La mia prima bicicletta e il crumble dei campioni

 
La mia prima bicicletta e il crumble dei campioni
La mia prima bicicletta e il crumble dei campioni
La mia prima bicicletta e il crumble dei campioni

 
Scheda
 

Autore: Bibì Bellini, Antonella Cilento, Paolo Colagrande, Bruno Contigiani, Maurizio Crosetti, Berarda Del Vecchio, Gian Luca Favetto, Fabio Geda, Cecilia Gentile, Margherita Hack, Anna Jannello, Ernesto Milanesi, Michele Monina, Gianluca Morozzi, Gianni Mura, Annibale Osti, Marco Pastonesi, Darwin Pastorin, Gian Paolo Porreca, Emilio Rigatti, Giampiero Rigosi, Paolo Rumiz, Flavio Santi, Davide Sapienza, Andrea Satta, Brunella Schisa, Pietro Spirito, Susanna Tamaro, Didier Tronchet, Wu Ming2, Paola Zannoner
 
Titolo: La mia prima bicicletta
 
Nome piatto: Crumble dei campioni
 
Portata:
 
Difficoltà
 
 
 
 
 


 

Il perché dell'abbinamento


Per chi va in bicicletta in maniera regolare è fondamentale nutrirsi bene per avere le energie giuste. Il crumble è un dolce tipico inglese fatto a base di mele e di una "crosta" dolce e deliziosa a base di burro e farina. Qui ho potenziato invece la composizione della crosta croccante, sostituendo la farina con biscotti sbriciolati e mandorle. Insomma un crumble per ciclisti appassionati!


In sintesi

“La mia prima bicicletta” è un libro che raccoglie testimonianze di vari autori e autrici sulla bicicletta. Ne consigliamo la lettura con un crumble.

0
Posted 27 Febbraio 2014 by

 
La nostra biblioricetta
 
 

La mia prima bicicletta e il crumble dei campioniTutti abbiamo avuto una prima bicicletta. Questo libro dal titolo La mia prima bicicletta scalda il cuore perché apre le porte intime di molti personaggi che si son prestati a scrivere ognuno il proprio ricordo sulla prima bicicletta. Trentuno racconti di trentuno personaggi tra cui Gian Luca Favetto (scrittore di romanzi e conduttore di trasmissioni radiofoniche della Rai), Paolo Rumiz (inviato di Repubblica e scrittore di libri di viaggio), Margherita Hack (astrofisica e divulgatrice scientifica), Susanna Tamaro (scrittrice di romanzi).

Quello che mi è rimasto nel cuore è il brano di Margherita Hack, emozionante, commovente, e “caloroso”. La sua prima bicicletta, dopo averla desiderata per anni, arrivò intorno al 1937, era stata promossa al primo liceo, ed era diventato ufficialmente il suo mezzo per andare a scuola, che usava con grande orgoglio, che aveva ottenuto con grandi sacrifici economici dei suoi genitori. L’estate della maturità (che ottenne senza sostenere gli esami perché l’Italia era entrata in guerra), il 1940 la passò ogni giorno in bicicletta, a fianco anche di un amico con il quale faceva lunghe passeggiate. Per la gita più lunga (circa duecento chilometri in ventiquattr’ore), da Firenze a Viareggio con bagno al mare e ritorno, tutto quello che avevano da mangiare era una delle ultime tavolette di cioccolato disponibili, visto che durante la guerra poi non se ne trovarono più. Quello che mi commuove di questo racconto è la semplicità con cui viene narrata la realtà di quasi un secolo fa, la normalità che oggi un po’ ci tocca e che ci ricorda ciò che hanno vissuto i nostri nonni e i nostri genitori.

E quanto, un mezzo di trasporto così semplice, oggi anche facile da reperire e dato quasi per scontato e parecchio sottovalutato, sia stato e sia ancora oggi un importantissimo strumento per l’espressione della propria libertà!

Il vento dei capelli, l’energia che sale ad ogni pedalata, il paesaggio che scorre ed il senso di leggerezza e libertà che solo una bicicletta può darci.

Ingredienti per il crumble dei campioni

  • 120 g di biscotti e mandorle sbriciolati
  • 80 g di burro
  • 50 g di zucchero grezzo di canna
  • 4 mele sbucciate e tagliate a dadini
  • 1 pizzico di cannella in polvere

La ricetta del crumble dei campioni

La mia prima bicicletta e il crumble dei campioni

Mettiamo le mele in una padella con un cucchiaio di zucchero di canna, una noce di burro e un pizzico di cannella. Lasciamo saltare e ammorbidire per 15-20 minuti e poniamole in una teglia di metallo o in una pirofila da forno (va bene la ceramica ma anche il pirex).

Mentre le nostre mele aromatizzate si intiepidiscono, in una ciotola di vetro o ceramica mettiamo il burro a pezzettoni (solidi), le mandorle, la granella di biscotti e lo zucchero restante e mescoliamo grossolanamente con una forchetta. Fate attenzione: il risultato non deve essere compatto e omogeneo, ma deve formare dei “molliconi” (crumble appunto), misti di biscotti macinati, mandorle, zucchero e burro. Versiamoli sulle mele e inforniamo per 15-20 minuti a temperatura moderata.
Poi sforniamo e lasciamo intiepidire prima di consumare.

Avremo così un’irresistibile “crosticina” dolce e croccante, e soprattutto avremo riciclato dei biscotti che magari si erano sbriciolati e non sapevamo come utilizzare!

La merenda ideale e ricca per chi pedala.




Chiara Chiaramonte

 
Laureata in Tecnica Pubblicitaria, ciclista urbana, appassionata di tango argentino, e vegetariana da 14 anni, ha da sempre amato leggere, cucinare e sperimentare in cucina. Da questa passione oltre due anni fa è nato il suo blog – www.chiaracucina.it – sul quale pubblica una ricetta vegetariana al giorno, ed un anno fa ha pubblicato con Navarra Editore il libro: “ChiaraCucina. La cucina vegetariana, rapida, economica, ecologica” distribuito a livello nazionale, che ha presentato in giro per l'Italia e sta per andare in ristampa.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.