Random Article


American Savage. L’amore rende liberi, di Dan Savage

 
Dan Savage, American Savage. L'amore rende liberi
Dan Savage, American Savage. L'amore rende liberi
Dan Savage, American Savage. L'amore rende liberi

 
Scheda del libro
 

Autore: Dan Savage (traduzione di Fabio Viola)
 
Titolo: American Savage. L'amore rende liberi
 
Casa editrice: Baldini & Castoldi
 
Anno: 2015
 
ISBN: 9788868528638
 
Pagine: 383
 
Formato: cartaceo, eBook
 
Genere: , , , ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
1 total rating

 

Aspetti positivi


Vedi a fine recensione

Aspetti negativi


Vedi a fine recensione


In sintesi

American Savage. L’amore rende liberi è un saggio di Dan Savage che rompe schemi predefiniti e mette in discussione frasi fatte e luoghi comuni sul sesso.

0
Posted lunedì, 7 Dicembre 2015 by

 
La nostra recensione
 
 

Dan Savage, American Savage. L'amore rende liberiAmerican Savage. L’amore rende liberi è un saggio che utilizza una forma intima, sospeso fra cronaca e romanzo di formazione, questo di Daniel Savage, meglio conosciuto come Dan, che ormai da anni tiene una seguitissima rubrica americana Savage love, sui temi di sesso e sessualità, in Italia sdoganata dall’Internazionale, settimanale che sempre più, anche via web, si attesta come rivista capace di trattare argomenti scomodi, cogliendo punti di vista inusuali.

Ma perché Dan Savage sceglie di parlare di sesso per parlare di libertà tout court? Lo fa perché è, ed è stato, un giovane americano gay di famiglia cattolica; lo fa, perché ha lottato, strenuamente, per essere libero e continua a farlo.

Suo padre era un diacono permanente mentre sua madre era un ministro laico, in pratica Savage è figlio di due predicatori, e quando parla di religione lo fa con una visione, come dire, privilegiata, di chi è entrato nelle chiese e delle volte si è fermato a pregare. E se egli stesso ci svela di non essere cattolico praticante, ma capace di pregare durante un volo aereo, o un’auto lanciata in velocità, ci spiega anche che fu un prete gay a salvarlo, svelando il suo orientamento alla madre – “Lo sono anch’io Judy” – in cerca di conforto dopo il suo coming out.

Ma cosa ne sano di sesso i giovani americani? “Immagina – scrive Savage – un corso di scuola guida che non insegni a sterzare. O a frenare”, in pratica l’unico modo per essere al sicuro dalla guida pericolosa è non guidare. Una modalità che somiglia al modo in cui viene impartita l’educazione sessuale in ambito scolastico, a grandi linee: mancano informazioni sulla contraccezione, sulla consapevolezza e si crede di poter contrarre l’Aids con un solo bacio.

American Savage. L’amore rende liberi è un testo per scoprire cos’è il punto GGG, che sta per good, living e game, ovvero, bravo a letto, disposto a dare piacere senza pretendere altrettanto subito e propenso a tutto nei limiti.

American Savage. L’amore rende liberi è un testo per capire, una volta per tutte che non si diventa “gay per scelta” (scegli di non esserlo, perché se scegli di esserlo sai che non avrai diritti civili, no?). Un libro utile, fondamentale, per ragazzi gay ed etero. Dissacratorio, ironico, a tratti vero.

Punti pro: perfetto se volete rompere alcuni schemi, mettere in discussioni frasi fatte, che indagano dalle dinamiche del matrimonio a temi forti e attuali come eutanasia o suicidio assistito. Perfetto perché Dan Savage c’è dentro, usa se stesso, le sue emozioni, per trattare argomenti che ci toccano tutti, capisci così quanto le teorie di genere, ma anche la maniera in cui usiamo il nostro corpo e i nostri sentimenti, sono soggetti a fortissimi condizionamenti sociali. Basta d’altronde, guardare la copertina dell’edizione italiana che riporta: «Non tutti i bisogni sessuali possono essere soddisfatti. Non tutte le esigenze sessuali devono essere soddisfatte. Ma anche se non si può avere il sesso dei propri sogni, anche se avete appetiti che il vostro partner non può soddisfare, essere ascoltati non è chiedere troppo. “Solo quando ognuno di noi sarà davvero libero, solo allora avremo vinto tutti”».

Punti contro: Savage è americano e nella sua scrittura riecheggiano le grandi madri come Erika Jong, un certo gusto nel rovesciamento dei punti di vista, etc. Oltretutto è un anchorman ed è abituato a catalizzare l’attenzione. Il libro è in qualche modo l’emblema del nostro “personale è politico”, applicabile in Italia fino a un certo punto. Da leggere, rileggere, riflettere per alimentare idee proprie. Una vera scarica di impulsi, perché è vero, l’amore ci rende liberi.




Daniela Gambino

 


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.