Random Article


Atto d’amore

 

 
Scheda del libro
 

Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
1 total rating

 


In sintesi

Francesco Cinque, Atto d’amore, prefazione di vari blogger, pp. 128, euro 10,00 Magari sei un balordo, ma, pur con i tuoi vizi spregevoli, riesci a tenerti dentro i confini della società. E magari ti capita che un giorno ti innamori, e che proprio ciò che dovrebbe renderti più umano ti faccia percorrere quel centimetro che […]

0
Posted venerdì, 15 Febbraio 2008 by

 
La nostra recensione
 
 

Francesco Cinque, Atto d’amore, prefazione di vari blogger, pp. 128, euro 10,00

Copertina del libro Atto d’amore di Francesco CinqueMagari sei un balordo, ma, pur con i tuoi vizi spregevoli, riesci a tenerti dentro i confini della società. E magari ti capita che un giorno ti innamori, e che proprio ciò che dovrebbe renderti più umano ti faccia percorrere quel centimetro che ti fa uscire dalla normalità. L’amore fa impazzire? Forse. L’amore crea mostri? Può darsi. Nessuno è in grado di prevedere cosa può succedere quando un uomo incontra una donna. Soprattutto quando l’uomo è uno stupratore occasionale e quando la donna è una figura forte, ma incomprensibile, come Teresa.

In rete abbiamo trovato un bel post di commento a questo romanzo. L’autrice è Sibillamad che ringraziamo per averci dato il permesso di riproporre qui il suo commento.

Atto d’amore, ma non illudetevi

Il primo impatto è stato pessimo.
Ho pensato di smettere di leggerlo subito.
Non sopporto la violenza. Meno che mai quando è descritta talmente bene da farti sentire come se fossi là, come se tutto accadesse di fronte a te.
Ma poi ho deciso di continuare, seppur con un certo distacco, quasi come se guardare da lontano o da dietro una fessura fosse un modo per soffrire meno nel vedere l’avverarsi di certe follie.
Il resto è stata lettura ininterrotta e impossibilità di separarmi da quel testo.
Ora sofferenza, ora sollievo: questo libro è scritto bene e non lascia tregua.
Conduce oltre il pregiudizio, verso la comprensione di chi opera il male perché il male lo subisce ogni giorno. Mostra uno spaccato crudo di un mondo che non è per niente lontano.
E soprattutto rende giustizia al nostro Capitano, che sapevamo già, avesse doti non comuni.
Tutti possono scrivere.
Non tutti riescono a prenderti per mano e portarti con sé a scoprire altri mondi.




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.