Random Article


Che fai qui, Elia? Lettura interconfessionale di 1Re 19,11-13

 

 
Scheda del libro
 

Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
1 total rating

 


In sintesi

Prima di lasciare la parola alla pastora Maria Bonafede, moderatrice della Tavola Valdese (vale a dire leader della chiesa valdese, che è la più antica chiesa riformata) una precisazione su questo libro: prima che uscisse è stata lanciata una sorta di crociata (passateci il termine) da parte di alcuni cattolici contro tale testo che vuole […]

0
Posted martedì, 30 Giugno 2009 by

 
La nostra recensione
 
 

Copertina del libro “Che fai qui, Elia?”Prima di lasciare la parola alla pastora Maria Bonafede, moderatrice della Tavola Valdese (vale a dire leader della chiesa valdese, che è la più antica chiesa riformata) una precisazione su questo libro: prima che uscisse è stata lanciata una sorta di crociata (passateci il termine) da parte di alcuni cattolici contro tale testo che vuole essere, invece, un passo verso il dialogo ecumenico. Noi siamo orgogliosi del prodotto che presentiamo e, consci che il dialogo è un bene impagabile, continuiamo sulla nostra strada. Le critiche sono sempre gradite; le illazioni gratuite un po’ meno. Ricordiamo che il ricavato della vendita di questo libro andrà per la costruzione di una sala parto a Buta, in Burundi.

A seguire il testo della prefazione della pastora Maria Bonafede.

Già solo il proporre la lettura della crisi di Elia e del suo rapporto con Dio sul monte Oreb, sarebbe stata una scelta felice perché in quell’incontro ci è dato di conoscere un uomo alle prese con Dio. Certo è Elia, ma non soltanto Elia. C’è un uomo che non sa più chi è Dio e che in fondo non ne vuole più sapere, e un Dio che rientra nella vita di quest’uomo in modo imprevedibile. Un testo antico eppure vicino, lontano eppure attuale perché ci parla di un uomo che crede nel momento in cui la sua fede, spaventata, vacilla e del suo Dio che non è dove e come Elia se lo aspetta. Dio è altrimenti, è altro da lui, totalmente altro da lui, e, proprio per questo, Lui. Dio non corrisponde più all’immagine che lui se ne era fatto. Ma lo scacco di questa fede, non fa soltanto parte della storia eccezionale di Elia, ma anche della fede vera, viva di ognuno. Questa è la fede nella Bibbia, una fede tentata, esposta, luogo di grandi decisioni e di espressi ed espliciti dubbi, luogo di battaglia. Una fede che non si appassiona, che non rischia, che non soffre, che non si schiera è ancora fede nell’Iddio vivente della Bibbia intera?

Questo piccolo libro, però, ci offre di più perché ci propone più voci su questo testo, più sensibilità che lo ascoltano, spiritualità diverse e diversi punti di vista che lo rileggono, e questo è un dono prezioso, che ci avvicina alle domande e alle attese di Elia, ci consente di sperimentare il vento, di tremare per il terremoto, di restare esterrefatti davanti al fuoco e di ricevere infine la percezione di un lieve sussurro che ci conduce, con Elia, fuori della grotta ad incontrare Dio.

Che fai qui Elia? Così si presenta Dio ad Elia, come una domanda critica che cerca la sua risposta, come la domanda che ti consente di guardare in te, di rileggere la tua storia e la tua vita. Come dire: persino dopo il vento, il terremoto e il fuoco, Dio rimane conoscibile soltanto come una domanda critica percepibile nel rumore del silenzio. La risposta di Dio non può sostituire la tua propria risposta. Dio vuole sentire le tue ragioni, vuole ascoltare la tua convinzione. La Sua presenza restituisce ad Elia una vita piena, degna di essere vissuta.

pastora Maria Bonafede
Moderatrice della Tavola Valdese

Che fai qui, Elia? Lettura interconfessionale di 1Re 19,11-13
testi di Anastasia di Gerusalemme, Charlò Camilleri,
Natale Fioretto, Eric Noffke
prefazione di Maria Bonafede; postfazione di Mario Gnocchi
Graphe.it Edizioni, Perugia 2009
pp. 80, euro 10,00




Graphe.it

 
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro; leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” (A. Schopenhauer)


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.