Random Article


E così vorresti fare lo scrittore, di Giuseppe Culicchia

 
Giuseppe Culicchia, E così vorresti fare lo scrittore
Giuseppe Culicchia, E così vorresti fare lo scrittore
Giuseppe Culicchia, E così vorresti fare lo scrittore

 
Scheda del libro
 

Autore: Giuseppe Culicchia
 
Titolo: E così vorresti fare lo scrittore
 
Casa editrice: Laterza
 
Anno: 2013
 
ISBN: 9788858108581
 
Pagine: 166
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: , ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
3 total ratings

 

Aspetti positivi


Lo stile è accattivante e preciso. Il contenuto divertente e assolutamente veritiero. E ci sono anche consigli utilissimi su come evitare gli errori più classici quando si sogna di poter pubblicare.

Aspetti negativi


Forse un eccessivo cinismo nelle pagine in cui si giudicano le domande, sempre uguali e noiose, dei lettori al momento delle presentazioni.


In sintesi

Con perizia, onestà e ironia Giuseppe Culicchia fa a pezzi il mito dello scrittore rock-star e svela tutti i retroscena del dorato mondo delle Lettere.

0
Posted venerdì, 8 Novembre 2013 by

 
La nostra recensione
 
 

Giuseppe Culicchia, E così vorresti fare lo scrittoreGiuseppe Culicchia in E così vorresti fare lo scrittore esordisce con una provocazione: in Italia sono più le persone che scrivono che quelle che leggono! Forse è vero o magari è un’iperbole. Comunque, in ogni caso, questo libro è una manna dal cielo perché smentisce un sacco di leggende sulla professione dell’autore. Con arguzia e modestia, l’autore spazza via i luoghi comuni e ha il coraggio di raccontare la verità sul mondo dell’editoria.

Chi ha il classico manoscritto nel cassetto, consiglia Culicchia, se vuole sfangarla deve innanzitutto smettere di essere idealista e sapere che per pubblicare, per essere preso in considerazione da una casa editrice, se non si hanno santi in paradiso, al di là del talento, deve costruirsi soprattutto un personaggio. Senza vergogna o false inibizioni. Magari inventarsi un passato nella P2, o come stella del porno oppure, meglio ancora, come nazista pentito. Più il modello è fantasioso, scandaloso o criminale maggiori sono le garanzie di successo. Poi una volta pubblicata la prima opera la vita dello scrittore avrà uno svolgimento più o meno prevedibile, nelle gioie e nei dolori.

Per raccontarne le varie fasi, Culicchia prende a prestito l’efficace tripartizione inventata da Alberto Arbasino, secondo il quale la parabola di chi scrive si divide inesorabilmente in tre fasi: Brillante Promessa, al momento dell’esordio sfolgorante, Solito Stronzo dal secondo romanzo in poi e infine, se ci si arriva, Venerato Maestro quando si è oramai coccolati dalla demenza senile.

In ognuno di questi momenti, l’ego smisurato dello scrittore giocherà contro di lui e lo farà dannare, sempre e comunque. Soffrirà quando leggerà qualche recensione sfavorevole, quando un “collega” avrà più successo di lui, quando l’ufficio stampa della sua casa editrice non lo manderà in TV da Fazio e neppure dalla Bignardi! Ma soprattutto sarà affetto da SDC, sindrome da classifica, quella che appare a quattordici giorni dall’uscita del proprio libro quando si controlleranno le vendite dei best-sellers sui quotidiani.

… lo scrittore non vede il suo libro in nessuna delle classifiche. Di conseguenza manifesta con intensità tutti e tre i sintomi della SDC. Dentro si sé si convince infatti che i responsabili delle pagine culturali dei tre giornali in cui il libro non compare in classifica ce l’abbiano con lui. Se prima di comprare i giornali era una persona spiritosa, piacevole e allegra dopo averli sfogliati freneticamente in cerca delle classifiche diventa irritabile, depresso e paranoico. “Bastardi”, mormora tra sé e sé…

Questo saggio continua senza tralasciare nessun dettaglio del magico, o come lo definisce Culicchia, “dorato” mondo delle Lettere. Racconta tutta la verità sugli incontri con l’autore, sulle domande dei lettori alle presentazioni, sulle richieste di collaborazioni e su quelle di raccomandazioni. Sugli amici che appaiono e scompaiono a seconda del successo. Ed è assolutamente realistico. Magari cinico ma onesto. Insomma scrivere è un mestieraccio, ma se proprio si è convinti di voler provare a farlo, tanto vale essere disillusi e partire leggendo questo libro tutto d’un fiato.

Giuseppe Culicchia
E così vorresti fare lo scrittore
Laterza, 2013
ISBN 9788858108581
pp 166, euro 14
disponibile anche in eBook: euro 8,99




Patrizia Violi

 
Patrizia Violi è laureata in giurisprudenza, vive a Milano dove fa la giornalista, occupandosi di attualità, psicologia e costume. È sposata e ha due figlie: dalla sua esperienza famigliare è nato il blog extramamma.net. Ha scritto il romanzo “Una mamma da URL” (Baldini & Castoldi). Per Emma Books ha pubblicato “Love.com” e “Affari d’amore”.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.