Random Article


Il gatto nella mangiatoia, di Michael Foreman

 
Michael Foreman, Il gatto nella mangiatoia
Michael Foreman, Il gatto nella mangiatoia
Michael Foreman, Il gatto nella mangiatoia

 
Scheda del libro
 

Autore: Michael Foreman (traduzione di Sara Saorin)
 
Titolo: Il gatto nella mangiatoia
 
Casa editrice: Camelozampa
 
Anno: 2012
 
ISBN: 978-88-96323-04-5
 
Pagine: 32
 
Formato: cartaceo
 
Genere: , , ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 

Aspetti positivi


Una storia delicata e molto magica, con bellissime illustrazioni.


In sintesi

«Il gatto nella mangiatoia» è una storia delicata per chi prova la nostalgia della cometa dell’infanzia e di quelle storie a cui era facile credere.

0
Posted sabato, 24 Novembre 2012 by

 
La nostra recensione
 
 
Michael Foreman, Il gatto nella mangiatoia

Michael Foreman, Il gatto nella mangiatoia

Dopo Lola e io, ecco un nuovo libro della casa editrice Camelozampa, stavolta adatto al Natale che si avvicina a grandi passi: Il gatto nella mangiatoia, dell’autore inglese Michael Foreman.

Questa piccola tenera storia illustrata, si svolge non in una stalla qualunque, bensì nel luogo in cui si racconta da secoli che nacque un bimbo destinato a lasciare il segno nel mondo. Ci sono tutti, il bue, l’asinello, la mangiatoia, l’uomo e la donna, la neve e il gelo fuori. Tuttavia, in quella stalla, ci appare un personaggio inaspettato e mai incluso prima: un gatto, protagonista e voce narrante di una situazione a lui incomprensibile, che lo distoglie dalla sua abituale pigrizia e indolenza.

«Poi ho sentito il pianto di un neonato. Ci mancava solo questa! Un bambino urlante!» racconta inizialmente contrariato, il gatto. Ma poi, col passare dei minuti, si ritrova anch’esso a trattenere il respiro osservando il sopraggiungere di altri personaggi pronti a inginocchiarsi al cospetto del nuovo nato, divenuto più sereno e addirittura sorridente. Stupito dall’atmosfera creatasi, incuriosito da strani esseri come i tre cammelli tutti agghindati ed eleganti, per una volta sarà meno gatto, e preferirà ammirare il bambino ignorando l’arrivo di un esercito di topolini tutt’intorno.

Una volta soltanto? No, forse no, quella nascita lo renderà più buono e leggendo le sue ultime parole comprenderete quanto!

Il gatto nella mangiatoia è una favola delicata per chi prova la nostalgia della cometa dell’infanzia e di quelle storie a cui era facile credere, soprattutto a Natale, con le lucine dell’albero che invitavano al sogno.




Susanna Trossero

 
Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.