Random Article


Il lato fresco del cuscino. Alla ricerca delle cose perdute, di Vittorio Zucconi

 
Vittorio Zucconi, Il lato fresco del cuscino. Alla ricerca delle cose perdute
Vittorio Zucconi, Il lato fresco del cuscino. Alla ricerca delle cose perdute
Vittorio Zucconi, Il lato fresco del cuscino. Alla ricerca delle cose perdute

 
Scheda del libro
 

Autore: Vittorio Zucconi
 
Titolo: Il lato fresco del cuscino. Alla ricerca delle cose perdute
 
Casa editrice: Feltrinelli
 
Anno: 2018
 
ISBN: 9788807070389
 
Pagine: 240
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere:
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 

Aspetti positivi


Un’autobiografia coinvolgente e scorrevole, la cui lettura ci fa rivivere decenni di storia nazionale e internazionale.

Aspetti negativi


Una certa, sia pur piacevole, frammentarietà dell’opera.


In sintesi

Il lato fresco del cuscino è l’autobiografia di Vittorio Zucconi: scopri come descrive la propria vita e perché si parla di cose perdute.

0
Posted sabato, 21 Settembre 2019 by

 
La nostra recensione
 
 

Le ultime ore della notte erano il continuo rigirarsi in letti tiepidi e intrisi di sudore, voltando e rivoltando il cuscino alla ricerca illusoria e passeggera del lato fresco.

Un grande giornalista

Vittorio Zucconi, Il lato fresco del cuscino. Alla ricerca delle cose perdute

Vittorio Zucconi, Il lato fresco del cuscino. Alla ricerca delle cose perdute

Lo scorso maggio, a Washington, città dove risiedeva da tempo, è morto Vittorio Zucconi. Aveva 74 anni, era malato da tempo. Giornalista tra i più importanti della sua generazione, figlio di Guglielmo Zucconi – altra firma illustre – ha lavorato a lungo come corrispondente da Mosca e dagli Stati Uniti. È stato testimone di molti importanti eventi, da lui raccontati con linguaggio diretto e con lo spirito curioso che l’ha sempre contraddistinto.

Ha intervistato personaggi chiave della storia moderna, senza servilismi né “occhi di riguardo”. In tal senso idealmente lo si potrebbe accostare al grande Enzo Biagi, le cui interviste rimangono a tutt’oggi modelli esemplari di chiarezza ed efficacia.

La chiarezza innanzitutto

Una caratteristica costante dei suoi scritti – fossero articoli o saggi – è sempre stata l’estrema chiarezza di linguaggio, ottenuta mediante una forma espositiva volta a privilegiare la comprensione e la facilità di lettura, senza mai cadere però nell’eccesso di semplificazione o nella superficialità oggi purtroppo tanto diffuse.

La stessa facilità di scrittura la ritroviamo in questo libro, Il lato fresco del cuscino, di rapida ma quanto mai coinvolgente e appagante lettura.

Il lato fresco del cuscino: le cose come punto di riferimento

Le varie fasi della nostra esistenza a volte sono scandite dalla presenza di oggetti che ci hanno servito – o perseguitato, a seconda dei casi – fedelmente. È così che il giornalista rievoca una macchina da scrivere, la mitica, ticchettante Olivetti Lettera 22 del papà, l’avvento nel lontano 1980 del glorioso videoregistratore Betamax prodotto dalla Sony, preziosa via di fuga per evadere dalla noia degli inverni russi e combattere da un lato la censura sovietica e dall’altro la nostalgia della patria lontana.

Oppure, passando alla sfera gastronomica, Zucconi ci regala una divertente esaltazione della mitica piadina romagnola, dal sapore inimitabile, caricata di valori quasi metafisici.

Veniamo anche a conoscenza della passione divorante e ovviamente dispendiosa per le auto, mai venuta meno in tanti anni, anzi portatrice di ricordi tragicomici.

L’amore per gli animali domestici

Il giornalista condivide con il lettore, usando toni leggeri ma toccanti, anche l’amore per gli animali: dal gatto Platone, assurto al rango di nume tutelare in qualità di guardia notturna sulla scrivania, ai cani, ai quali è sempre penoso separarsi, come sa bene chi vive con questi compagni a quattro zampe.

Un libro semplice solo all’apparenza

Raramente ho amato un’autobiografia come quella scritta da Zucconi: mai noiosa, né viziata dal dilagante virus dell’autocompiacimento. Al contrario, da buon emiliano, l’autore spesso e volentieri sfoggia una piacevolissima vena autoironica e pungente che gli consente di affrontare temi impegnativi come il fatidico senso della vita con mano leggera, mai gravata da sterili intellettualismi.

I ricordi dell’uomo e del grande giornalista

Il Zucconi “privato” rievoca con disincantato affetto e l’immancabile ironia le vacanze in Emilia-Romagna, oppresse dall’afa notturna, alla ricerca appunto del lato fresco del cuscino.

Ricorda poi in toni vibranti ma mai patetici l’esperienza della guerra del Vietnam. In questo caso gli oggetti “memorandum” sono degli incredibili aerei in miniatura realizzati con le lattine di Coca-Cola.

C’è il ricordo della Russia allo sbando, con i mercatini improvvisati per le strade affollati di cimeli militari e chincaglieria, descritti però sempre con grande attenzione per le storie dei protagonisti.

Un capitolo de Il lato fresco del cuscino rievoca poi la storica liberazione di Kuwait City, in compagnia di una brava ma notoriamente scorbutica e altezzosa Oriana Fallaci.

Una lettura preziosa

In conclusione, non posso che caldeggiare la lettura de Il lato fresco del cuscino. Riesce a restituire con grande fedeltà lo spirito che ha sempre animato la vita e la professione di uno dei più grandi giornalisti che il nostro Paese abbia mai conosciuto.

Inoltre, particolare non secondario, è sempre un grande piacere ritrovare la caratteristica qualità di scrittura che ha caratterizzato tutta la produzione giornalistica di un colosso del giornalismo moderno.




Luigi Milani

 
Luigi Milani è giornalista freelance, editor e traduttore. Autore di due romanzi e una raccolta di racconti, ha curato le edizioni italiane degli ultimi due libri di Jasmina Tešanović, Processo agli Scorpioni e Nefertiti (Stampa Alternativa 2008-2009), e le versioni italiane di alcuni racconti di Bruce Sterling (40k eBooks). È tra i fondatori delle Edizioni XII. Vive e lavora a Roma. Per la Graphe.it edizioni dirige la collana di narrativa digitale eTales.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.