Random Article


La casa dei libri, di Richard Brautigan

 

 
Scheda del libro
 

Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 


In sintesi

Probabilmente sono troppo polemico ma noto che molti dei libri che piacciono ai più, a me non vanno giù. Come, per esempio, La casa dei libri di Richard Brautigan. A essere sincero, se posso evito di leggere i libri che piacciono ai più, che conquistano le classifiche, di cui tutti parlano… ma questo è un […]

0
Posted 16 Ottobre 2012 by

 
La nostra recensione
 
 

Probabilmente sono troppo polemico ma noto che molti dei libri che piacciono ai più, a me non vanno giù. Come, per esempio, La casa dei libri di Richard Brautigan. A essere sincero, se posso evito di leggere i libri che piacciono ai più, che conquistano le classifiche, di cui tutti parlano… ma questo è un altro discorso.

Concordo con quanti affermano che quello di Brautigan sia un testo stralunato; sono un po’ meno d’accordo con chi si sofferma sulla (presunta) tenera storia d’amore che troviamo tra le pagine. Sono pienamente d’accordo chi dice che si respira aria da favola e in completo disaccordo con chi sostiene che la storia prenda il lettore in una sorta di vortice.

La trama? Ma è spiegata tutta per filo e per segno in quarta di copertina! Se mai dovessi regalare questo libro, la prima cosa che farei sarebbe quella di divellere la copertina: è mai possibile che i testi redazionali, messi lì per strizzare l’occhio al lettore, riassumano le “prime” 193 pagine (su un totale di 199…) togliendo, così, quell’aria di mistero e di curiosità necessaria perché ci si senta invogliati a leggere il libro?

Inoltre, un’annotazione: il personaggio femminile principale si chiama Vida. Possibile che nella traduzione debba ricorrere più volte l’espressione «vide Vida» o «Vida vide»… Non si poteva scegliere un sinonimo di vedere quando il verbo si trovava accanto al nome proprio Vida?

Bello il titolo di quest’opera di Brautigan e molto bella, in ogni caso, l’immagine di copertina dell’edizione italiana: un disegno di Lorenzo Lanzi, in cui, tra gli altri personaggi, c’è anche l’autore (il biondo con il cappello).

Richard Brautigan
La casa dei libri
Marcos y Marcos, 2003
ISBN 978-8871683669
pp. 208, euro 10




Roberto Russo

 
Roberto Russo è nato a Roma e vive a Perugia. Dottore in letteratura cristiana antica greca e latina, è appassionato del profeta Elia. Segue due motti: «Nulla che sia umano mi è estraneo» (Terenzio) e «Ogni volta che sono stato tra gli uomini sono tornato meno uomo» (Tommaso da Kempis). In questa tensione si dilania la sua vita. Tra le altre cose, collabora con alcune testate online, è editore della Graphe.it, e tanto tempo fa ha pubblicato un racconto con Mondadori.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.