Random Article


La cucina dell’Amore

 

 
Scheda del libro
 

Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
2 total ratings

 


In sintesi

Nel 1926, a Catania, venne pubblicato per la prima volta uno strano e malizioso ricettario – La cucina dell’Amore di Omero Rompini – capace non solo di stuzzicare il palato mediante la più raffinata arte culinaria, ma anche o soprattutto di tentare i sensi risvegliando l’erotismo a tavola, laddove le malìe di un sapore prelibato […]

2
Posted 16 Aprile 2008 by

 
La nostra recensione
 
 

Cucina eroticaNel 1926, a Catania, venne pubblicato per la prima volta uno strano e malizioso ricettario – La cucina dell’Amore di Omero Rompini – capace non solo di stuzzicare il palato mediante la più raffinata arte culinaria, ma anche o soprattutto di tentare i sensi risvegliando l’erotismo a tavola, laddove le malìe di un sapore prelibato ben si combinano con il buon esito di un corteggiamento. Il signor Rompini infatti, gaudente e raffinato gentiluomo, ci erudisce sulla cucina afrodisiaca tuttavia non limitandosi a decantare vigori ritrovati grazie a sostanze eccitanti: il suo manuale va ben oltre affiancando a queste l’estetica di una portata, l’importanza di un profumo, l’ammiccante sensualità del nome di un piatto, la festa di un colore o di un adattamento, suggerendo così una cucina squisitamente letteraria e insegnando a preparare le pietanze con lo stesso rapimento con cui si dipinge, si suona, si scrive… Non tralascia nulla, il Rompini, neppure la scelta dei colori in tavola che dovranno essere differenti se l’ospite sarà biondo o bruno per esempio, perché nulla strida. Ci guida sui profumi per l’ambiente, le composizioni floreali – anch’esse variabili a seconda del menù – suggerisce le sostanze da mescolare ai vini o ai liquori, assolutamente necessarie ad esaltarne il gusto, rinfrancare i vacillanti ed incitare i timidi… un esempio? Mettete in un bicchiere 2 zollette di zucchero, quattro gocce di Curacao e del Porto. Aggiungete dell’acqua e portate ad ebollizione. Servite con una fetta di limone, 4 cappelletti di garofani e cospargetevi un poco di noce moscata. Pare rinfocoli i desideri di gioventù anche ai più fiacchi! E che dire delle Uova alla Gaudente, i Filetti di sogliola alla Messalina, i tartufi alla FavoritaA proposito dei tartufi, a loro dedica ben 2 capitoli, definendoli i diamanti della cucina. “Il tartufo – dice – dispone chi se ne ciba a ricercare le voluttà date dalla soddisfazione del senso genesico

Certo, voi direte che il Rompini nulla ha inventato; gli stessi antichi romani univano l’eros al cibo e anche intorno al 1600 si parlò in maniera raffinata ed elegante di cucina dell’amore, dando peso a materie prime, accostamenti, preparazioni. La Francia del Re Sole, come lo stesso Rompini ci fa notare, fu patria dell’eros gastronomico e divenne una moda l’utilizzo di ambra o muschio per profumare cibi e bevande, dunque si potrebbe tacciare l’autore di questo manuale di plagio! In realtà non si tratta di un manipolatore bensì di un intellettuale della cucina che a suo modo inventa, suggerisce, ma anche riporta indietro attraverso cenni storici, evocazioni, citazioni, aneddoti e colti riferimenti. Nondimeno, la sua figura resta avvolta dal mistero, poiché di questo poeta dei fornelli pare non esista alcuna traccia! Si suppone abbia usato uno pseudonimo per dilettarsi a scrivere un intrigante trattato di cucina lussuosa ed eccitante, che ha finito per rappresentare il primo manuale italiano di gastronomia erotica, dove ogni ingrediente è ricercato e diviene quasi un simbolo.Volete qualche dritta per rendere più efficaci le vostre armi di seduzione? Le ricette sono tante: carne, uova, pesce, menù per “circuire” bionde o brune, bevande inebrianti, ce n’è per tutti i gusti! Scriveteci dunque, e Omero vi delizierà.




Susanna Trossero

 
Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.


2 Comments


  1.  
    antonella

    Mia cara Susanna, devo fare una richiesta: siamo tutti abituati a cucinare le uova sempre nello stesso modo, alla coque, sode, fritte, in camicia. Un’idea diversa’ Attendo fiduciosa!




  2.  
    susanna x antonella

    Eccomi a te con una ricettina del nostro Rompini tutta per te: “Uova alla gaudente”. Friggere nel burro una fetta di prosciutto, aggiungere una cucchiaiata di zucchero caramellato e un goccio d’aceto; versare il tutto su un piatto da forno e romperci sopra due uova. Condire con molto pepe e mettere in forno per pochissimo. Servile calde e calda sarà la sensazione che darai al tuo commensale! Almeno a detta del Rompini… facci sapere!





Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.