Random Article


La lettrice, di Traci Chee

 
Traci Chee, La lettrice
Traci Chee, La lettrice
Traci Chee, La lettrice

 
Scheda del libro
 

Autore: Traci Chee (traduzione di Sandro Ristori)
 
Titolo: La lettrice
 
Casa editrice: Newton Compton
 
Anno: 2016
 
ISBN: 9788854195011
 
Pagine: 384
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 

Aspetti positivi


Il finale, finalmente, non è prevedibile e spiazza il lettore.

Aspetti negativi


A volte le trame parallele diventano pesanti da seguire.


In sintesi

«La lettrice» è un romanzo di Traci Chee ambientato in un mondo parallelo in cui leggere è illegale e il libro diventa, così, l’unica arma.

0
Posted 29 Novembre 2016 by

 
La nostra recensione
 
 
Traci Chee, La lettrice

Traci Chee, La lettrice

Esce per la Newton Compton La lettrice il primo romanzo di una nuova saga fantasy, scritta dall’autrice Traci Chee e tradotta in italiano da Sandro Ristori. Si presta ad essere uno dei regali da far trovare sotto l’albero ai parenti più giovani della famiglia e racconta la storia di un mondo in cui i libri, sconosciuti ai più, contengono una grande potere.

Tutto comincia con la fuga della protagonista, che risponde al nome di Sefia e che si trova tra i boschi, al riparo, insieme a un’anziana donna Nin. Scopriremo che non è la prima né l’ultima volta in cui Sefia si ritroverà piena di graffi, impaurita e in fuga. Tutto risale alla morte di suo padre e al nascondiglio che le ha salvato la vita: «Doveva proseguire a quattro zampe. Le pareti del tunnel scavato nella terra erano instabili e sporche, così strette in certi punti che non poteva neanche gattonare – era costretta a stendersi sulla pancia e strisciare, trascinandosi avanti con le dita, i gomiti e le punte dei piedi».

Ha appena perso la zia Nin o meglio l’ha vista portare via da una marmaglia violenta e vendicativa. Nin le ha fatto cenno di non immischiarsi. Nin vuole proteggerla. Ma Sefia è testarda e decide così di mettersi sulle tracce dei rapitori. Dopo un lungo periodo trascorso da sola, si affiancherà a lei Arciere, questo il nome che sceglie di dargli, un ragazzo salvato da una sorte triste e violenta tanto quella di Nin.

I combattimenti erano ancora confusi nella sua mente, ma aveva visto quanto bastava per comprendere cosa era successo al suo amico, cosa aveva fatto e perché aveva chiuso quella storia al suo interno come una bestia pericolosa. Era come se Sefia fosse scivolata per un attimo nella sua pelle. Sentiva di condividere il suo stesso sangue, lo stesso cuore […]

La storia è interessante e a noi vecchi lettori ricorda molto i passaggi tra realtà e narrazione del libro, con le dovute differenze, affrontati ne La storia infinita. A volte, però, tutte queste sotto trame e trame secondarie, per non parlare del libro nel libro, possono risultare leggermente faticose da seguire. È una questione di impostazione nella narrazione.

La protagonista, infatti, è accattivante e per una donna che ha letto tanto fantasy è sempre bello imbattersi in protagoniste e personaggi femminili, buoni e cattivi, che orientano l’intera trama. Le assassine incontrate da Sefia lungo il percorso, la donna che le svelerà la vera identità dei suoi genitori e del segreto che custodisce, Nin – il fabbro che l’ha protetta mentendole, sono tutte di notevole interesse.

Una valanga pronta ad accendersi. Era stata distratta dalle buone maniere di Tanin, dal rimorso tetro di Rajar, dalla rivelazione riguardo ai suoi genitori. Ma si ricordò cosa stava facendo lì. Perché era andata in quel luogo.

Una curiosità: il libro stesso è disseminato di lettere e segni. Il lettore e la lettrice hanno così la sensazione di percorrere anche loro insieme alla protagonista un magico percorso tra le parole. E poi ci sono i pirati, ma cosa mai hanno a che fare con la protagonista dovrete scoprirlo da soli.




Mariantonietta Barbara

 
Autrice per il web, scrittrice, editor. Ha collaborato con diverse testate nazionali di nanopublishing. Si è occupata di blogging e web strategy per piccole aziende. Leggere, scrivere e perdersi nelle serie tv sono le sue grandi passioni.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.