Random Article


«La madonna col cappotto di pelliccia» di Sabahattin Ali

 
Sabahattin Ali, La madonna col cappotto di pelliccia
Sabahattin Ali, La madonna col cappotto di pelliccia
Sabahattin Ali, La madonna col cappotto di pelliccia

 
Scheda del libro
 

Autore: Sabahattin Ali (traduzione di Rosita D'Amora)
 
Titolo: La madonna col cappotto di pelliccia
 
Casa editrice: Scritturapura
 
Anno: 2015
 
ISBN: 9788897924173
 
Pagine: 201
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 

Aspetti positivi


Il potere vivificante e assoluto dell’amore nel romanzo di Sabahattin Ali ci insegna a guardare oltre le mere apparenze. A cercare un significato più profondo. A non fermarci mai alla sola facciata di cose e persone.

Aspetti negativi


Un fatalismo medio-orientale che alcuni lettori potrebbero trovare lontano dalle proprie corde. Dalla propria radice culturale


In sintesi

Amore e arte si intrecciano nel destino di Raif Effendi, giovane studente turco, e della misteriosa Maria Puder, pittrice di talento nella Berlino dei primi anni ’20.

0
Posted 28 Febbraio 2018 by

 
La nostra recensione
 
 
Sabahattin Ali, La madonna col cappotto di pelliccia

Sabahattin Ali, La madonna col cappotto di pelliccia

La madonna col cappotto di pelliccia di Sabahattin Ali (pubblicato da Scritturapura edizioni e recentemente al centro di una querelle editoriale) fin dalle prime pagine ci invita ad andare oltre l’apparenza non solo delle cose, ma anche (ed è quello che certamente più conta) delle persone.

Volti anonimi che ogni giorno ci sfiorano per la strada, ci sogguardano dalla scrivania accanto o ci siedono distrattamente di fronte in un’affollata carrozza della metropolitana. Volti che, dietro sembianze sbiadite se non addirittura dimesse, celano un’essenza pregiata. Un passato da romanzo. Una sensibilità da squisito poeta.

La madonna col cappotto di pelliccia

Questo è certamente il caso dell’ormai maturo Raif Efendi, traduttore dal tedesco presso un’importante azienda di Ankara, che, nonostante la sua lontanante discrezione, affascina un giovane impiegato appena assunto. L’uomo poco alla volta riesce, infatti, a demolire quella barriera di riservatezza che sembra nascondere il vero Raif Efendi dietro un’impenetrabile muraglia di solitudine.

Alle spalle dell’attempato traduttore (ci sentiamo di rivelarlo sin da ora) una travolgente ossessione d’amore. Un incontro fatale avvenuto molti anni prima nella Berlino del primo dopoguerra, quella per intenderci della Repubblica di Weimar dei primi e scandalosi anni ’20. Un colpo di fulmine per la misteriosa e sfuggente Maria Puder, che cambierà per sempre la vita del giovane. Prima con il suo autoritratto, ribattezzato dalla critica la Madonna col cappotto di pelliccia, poi con la pittrice stessa.

Un incontro che sconvolgerà l’esistenza del timido studente turco in un crescendo di amore e disperazione, corrispondenza e solitudine fino al grande, inatteso coup de théâtre finale, quando il destino getterà drammaticamente, e una volta per tutte, la maschera.

Romanzo dal grande afflato poetico

La madonna col cappotto di pelliccia è un romanzo dal fascino mosso, l’afflato poetico e la suggestione divorante e malinconica che solo un grande amore senza lieto fine può dare al lettore.




Giorgio Podestà

 
Nato in Emilia si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un famoso istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore (tra gli scrittori tradotti in lingua inglese anche il premio Strega Ferdinando Camon).


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.