Random Article


«Occhi nel buio. Doctor Who», di Cavan Scott

 
Cavan Scott, Occhi nel buio.Doctor Who
Cavan Scott, Occhi nel buio.Doctor Who
Cavan Scott, Occhi nel buio.Doctor Who

 
Scheda del libro
 

Autore: Cavan Scott (traduzione di Matteo Crivelli)
 
Titolo: Occhi nel buio. Doctor Who
 
Casa editrice: Armenia
 
Anno: 2018
 
ISBN: 9788834432044
 
Pagine: 240
 
Formato: cartaceo
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 

Aspetti positivi


Il rapporto fra Bill e il Dottore, le battutine frizzanti fra i personaggi, i riferimenti alla cultura cinematografica/televisiva, i riferimenti a personaggi delle serie precedenti.

Aspetti negativi


Compare poco il Tardis


In sintesi

«Occhi nel buio» di Cavan Scott narra una delle avventure del Doctor Who (è il Dodicesimo Dottore) alle prese con personaggi dagli occhi di brace.

0
Postedmercoledì, 21 febbraio 2018 by

 
La nostra recensione
 
 
Cavan Scott, Occhi nel buio.Doctor Who

Cavan Scott, Occhi nel buio.Doctor Who

Nuova avventura per il Doctor Who. Questa volta è Cavan Scott a cimentarsi col Dottore, con il romanzo Doctor Who – Occhi nel buio.

Occhi nel buio

Se guardate con la coda dell’occhio, intorno a voi potrete vedere uomini che brillano, sono praticamente ovunque. Alti, capelli lunghi e lisci, volti totalmente privi di espressione e strani occhi ardenti. Il problema è che se questi uomini vi prendono, vi trascineranno da qualche parte, nessuno sa dove.

Nessuno è più al sicuro, vi possono attendere dietro ogni angolo, sono sempre in attesa. Vi guardano con i loro occhi di brace, ma non è uno trucco di Halloween. All’inizio qualcuno pensava a un macabro scherzo, ma poi la cosa è diventata virale. Prima strane persone vestite come mostri che si divertivano a spaventare le persone, maschere e parrucche horror, nessuno che si fa male, tanto i mostri non sono reali… solo che poi le persone hanno cominciato a sparire veramente e queste luci ardenti brillano nel buio, piene di rabbia.

Ma non temete, il Dottore e la sua amica Bill stanno arrivando per fermare i mostri. Ma se fossero i mostri a fermare lui per primi?

Il piacere di leggere le storie del Dottore

È sempre bello leggere una nuova avventura del Dottore. In Occhi nel buio abbiamo il Dodicesimo Dottore con la companion Bill, cosa che ho apprezzato. Perché? Prima di vedere l’ultima stagione del Doctor Who, preferivo nettamente le storie con Clara o Amy. Tuttavia dopo aver visto l’ultima serie, mi sono resa conto che abbiamo avuto poca Bill e poco Dottore con Bill. Questo perché ormai ci eravamo abituati a companion come Amy e Clara, che duravano più di una stagione. Bill, invece, ha beneficiato solamente di una stagione, quindi è bello vederla comparire un po’ di più nei romanzi.

Un romanzo ambientato sulla Terra questa volta, niente alieni (tranne il Dottore), ma non mancheranno inseguimenti, situazioni rocambolesche e strane creature provenienti da altre dimensioni. Da notare l’assenza di Nardole, probabilmente lasciato di guardia alla cripta. La sua mancanza viene vicariata da altri comprimari temporanei che ben si amalgamano con la coppia formata dal Dottore e da Billy.

Alcuni aspetti particolari di «Doctor Who. Occhi nel buio»

Particolarmente interessanti le citazioni relative alla cultura cinematografica e televisiva, soprattutto viste le reazioni del Dottore: sembra quasi una rivincita di Bill relativa a quando lui spara a raffica una strana terminologia da viaggiatore spaziale. Inoltre il Dottore si diverte anche a citare personaggi precedentemente presenti nella saga. Considerato che noi, purtroppo, siamo orfani di parecchie serie televisive e che molti fan del Dottore lo conoscono solamente dalla nona incarnazione in poi, è divertente andare a ripescare questi vecchi personaggi.

Bello il rapporto che il Dottore ha sviluppato con Bill, da insegnante a studente sono passati in qualche modo ad amici che si stuzzicano continuamente a vicenda, senza peli sulla lingua. Tuttavia avendo letto questo libro dopo lo speciale del Natale 2017 ti fa provare, inevitabilmente, un po’ di tristezza perché oramai vedremo Bill e il Dodicesimo Dottore solamente più nei libri e nei fumetti.




Nymeria

 
Nerd inside, come scopo nella vita sto cercando di leggere tutta la letteratura fantasy possibile e immaginabile.. Beh, poi ci sono anche i manga, i videogiochi, i telefilm, i film... ce la farò?


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.