Random Article


Premio Strega 2013: Mandami tanta vita, di Paolo Di Paolo

 

 
Scheda del libro
 

Autore: Paolo Di Paolo
 
Titolo: Mandami tanta vita
 
Casa editrice: Feltrinelli
 
Anno: 2013
 
ISBN: 9788807019425
 
Pagine: 160
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
2 total ratings

 

Aspetti positivi


Un ottimo romanzo, ben scritto. Opera di un giovane trentenne che possiede già il piglio narrativo degli autori che consideriamo classici. Una bella sorpresa, che mi costringerà a leggere altre storie narrate da Di Paolo.


In sintesi

Paolo Di Paolo, candidato trentenne allo Strega 2013, merita di vincere: “Mandami tanta vita” rincuora sullo stato di salute della narrativa italiana.

0
Postedmartedì, 2 luglio 2013 by

 
La nostra recensione
 
 

Paolo Di Paolo, Mandami tanta vitaPaolo Di Paolo, candidato trentenne allo Strega 2013, merita di vincere. Non so come la pensiate sui premi letterari, se andate a curiosare tra i candidati, se li considerate un suggerimento per le prossime letture. Pe quanto mi riguarda, negli ultimi anni i premi mi hanno fatto scoprire Acciaio e Mandami tanta vita, che mi rincuorano sullo stato di salute e sul futuro della narrativa italiana.

Questa volta, perciò, salterò a piè pari le polemiche che di solito li precedono e seguono, per andare invece a porre una domanda importante.

Moraldo o Piero? Quale dei due protagonisti amerete? Perché io non sono riuscita a non schierarmi e scorrevo in fretta la storia di Piero, per poter scoprire cosa stava combinando Moraldo, che probabilmente mai frequenterei se esistesse davvero.

Certo, mettere da parte la storia di Piero Gobetti è un sacrilegio storico. D’altronde non si può non riconoscere a questo scrittore trentenne, oltre a un uso perfetto, ricco, versatile della lingua italiana, la sua capacità di rendere verosimile un personaggio di fantasia, Moraldo.

Moraldo, con la sua mancanza di slanci vitali, le sue fissazioni, il suo essere prigioniero di se stesso è affascinante (letterariamente intendo).

Si può voler bene a qualcuno per ciò che è. Senza nulla intorno. Lui le rispondeva male, sbraitava Che significa?

Moraldo, incapace di cogliere l’essenzialità dei sentimenti e di una certa parte della vita. Terrorizzato dalla giovane Carlotta, fotografa, conosciuta a causa di uno scambio di bagagli, dal suo sguardo che sembra leggere oltre le sue scarpe tirate a lucido.

È che dire poi del professor Eugenio Bovis, da cui Moraldo ha affittato una camera, appassionato di funerali e nozioni:

Il mondo non può crollare finché esiste un elenco di tabaccherie aperte la domenica. Ama le cose che si ripetono e ama il fatto che si ripetano…

Piero conduce invece tutt’altro genere di vita. È spaventato, ma proiettato nel futuro sia per le proprie convinzioni politiche sia perché neo padre amorevole e delicato.

Piero, convinto che la volontà può tutto, è pronto a trasferirsi a Parigi pur di non rinunciare ai suoi ideali.

L’importante è non cedere: alla tosse, alla paura, non cedere a nulla, salvare il tempo, salvare proprio ogni singolo secondo, ogni minuto, ogni ora.

Piero che ci interroga:

Per essere liberi bisogna andarsene? Per scrivere, per parlare, si è costretti a cambiare luogo, a strapparsi le radici dai piedi?

Alla fine di questo bel libro mi sono chiesta se non somiglio più a Moraldo che a Piero. Ve lo chiederete anche voi, per scoprire la lotta che spesso ci trova impreparati, di fronte alla vita e alla storia, tra quella parte di noi coraggiosa e sognatrice e quella paurosa, che ancora spetta di vivere e di dare il proprio contributo.

Paolo Di Paolo
Mandami tanta vita
Feltrinelli, 2013
ISBN 9788807019425
pp. 160, euro 13,00
disponibile anche in eBook: euro 8,99




Mariantonietta Barbara

 
Autrice per il web, scrittrice, editor. Ha collaborato con diverse testate nazionali di nanopublishing. Si è occupata di blogging e web strategy per piccole aziende. Leggere, scrivere e perdersi nelle serie tv sono le sue grandi passioni.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.