Random Article


Razza di zingaro, di Dario Fo

 
Dario Fo, Razza di zingaro
Dario Fo, Razza di zingaro
Dario Fo, Razza di zingaro

 
Scheda del libro
 

Autore: Dario Fo
 
Titolo: Razza di zingaro
 
Casa editrice: Chiarelettere
 
Anno: 2016
 
ISBN: 9788861907621
 
Pagine: 160
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 

Aspetti positivi


Un bellissimo omaggio a un atleta di cui si è parlato troppo poco; una scrittura semplice, una narrazione asciutta e senza fronzoli, una storia avvincente, un periodo storico conosciuto ma affrontato in modo differente e con approfondimenti illuminanti. E anche un invito alla riflessione.


In sintesi

Razza di zingaro è un libro di Dario Fo in cui l’autre racconta la storia di Johann Trollmann, pugile sinti nella Germania di inizio ‘900.

0
Postedlunedì, 25 gennaio 2016 by

 
La nostra recensione
 
 

Dario Fo, Razza di zingaroRazza di zingaro, Chiarelettere Editore, è il nuovo libro del Premio Nobel Dario Fo. Continua, il grande autore, ad affascinarci con storie spesso poco conosciute o non affrontate per esteso, dando voce a persone o a fatti che – una volta conosciuti – lasciano il segno nelle nostre coscienze. Sue sono anche le illustrazioni del libro, che completano brani o passaggi.

Con il suo consueto tono da cantastorie, in uno stile narrativo semplice e privo di fronzoli, Fo in Razza di zingaro ci racconta la storia del grande atleta Johann Trollmann, partendo dal 1914, quando a soli otto anni incontra per la prima volta la malia della boxe. Siamo nella Germania del Nord e per il bambino non si tratta del “solo” osservare uno scontro tra uomini ben allenati, bensì del respirare quell’insieme di regole, competizione, energia, eccitazione che lo elettrizzeranno al punto da restare in lui per sempre. I guantoni, i ragazzi, il maestro, il ring, il sudore, suoni e odori divengono ben presto parte di lui, che si rivela subito un fuoriclasse, un talento naturale, fin da giovanissimo.

«Quel ragazzino muove le gambe e il busto proprio come i sinti quando ballano nelle loro feste!»
«È vero! L’ho notato anch’io!» interviene il cameriere.
«E adesso che mi viene in mente – dice il secondo maestro –, ho sentito dire che ogni tanto i sinti, durante gli eccezionali raduni delle loro comunità, si esibiscono in scontri che assomigliano a quelli della gente del Siam, ma non per buttarsi giù l’un l’altro, solo per scaricarsi di dosso la rabbia e il rancore. Insomma, fingono di darsele di santa ragione, ma non si toccano quasi mai, come in una danza».

Infatti Johann, detto Rukeli (albero), non è di origine tedesca: è un gitano, un sinti appunto, uno zingaro. Vive in una famiglia ben integrata, con una madre conosciuta come “la guaritora”, in una unione familiare nella quale si respirano cultura e tradizioni ricche di saggezza e amore per la natura, di senso della dignità e della giustizia. Dario Fo sa bene come far respirare questa stessa aria al lettore, appassionandolo alla vicenda di Johann e della sua grande famiglia o di un modo di pensare e di vivere la vita così semplice e puro…

Chi non deve mentire non ha bisogno di infiorare le parole di termini astrusi che gli permettano di essere creduto, così si ritrova con un linguaggio ridotto al minimo. Essenziale.

La prima guerra mondiale vede il ragazzo ospite, con il resto dei suoi cari, nella fattoria dello zio, laddove il vivere quotidiano tra i cavalli e un cugino “compare di boxe”, lo fa sentire in paradiso. Una bella parentesi di tavolate, feste, contatto con la natura e con gli animali, chiacchiere e allenamento costante che lo riporterà più che in forma alla sua palestra.

Nel 1918 l’esercito tedesco è allo stremo delle forze, ma le forze le hanno perse in tanti e la fine della guerra lascia una scia di mutilazioni e di disperazione, ma gli anni passano e la danza di Rukeli – che unisce talento e intelligenza – prosegue con successo, sebbene la sua carriera sia intralciata proprio dalle sue origini. Sono tempi in cui si comincia a sentir parlare di un certo Hitler, tempi in cui gli zingari così totalmente integrati desiderano e chiedono invano la cittadinanza tedesca; Johann è amato dalle donne, campione dei pesi medi nella Germania nordoccidentale, ma qualcosa sta cambiando e Adolf Hitler ben presto non è più solo un nome. Il 30 gennaio 1933 diventa cancelliere del Reich, e ciò accade più o meno proprio in un momento di grande felicità per l’atleta, il quale – innamoratosi di una cosacca – la presenta finalmente a tutta la sua famiglia. Da sposo felice, si ritrova a fare i conti con Hitler che manifesta in modo più deciso la sua politica di discriminazione contro la razza ebrea, contro gli omosessuali e gli zingari (addirittura sottoposti a sterilizzazione). Un sinti, non può e non deve diventare un campione in Germania.

Dire addio allo sport pulito, quello che premia i talenti indipendentemente dalle loro origini, nascondersi, rinnegare il proprio matrimonio per salvare sua moglie, fuggire, per poi finire come tanti – come troppi – in un lager nazista.

Razza di zingaro racconta una storia avvincente, amara forse ma allo stesso tempo impregnata di coraggio, dignità, o libertà che resta intatta anche nella prigionia. Ci insegna che si può mantener fede a ciò che si è o a ciò in cui si crede, anche a costo della vita, e ci regala un vissuto che di certo in pochi conoscevamo.

Un grazie al grande Dario Fo, l’ennesimo, per aver scavato in altrui memorie allo scopo di mettere insieme una storia davvero intensa, che meritava d’essere raccontata.




Susanna Trossero

 
Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.