Random Article


Storia di O, di Pauline Réage

 
Storia di O di Pauline Réage: il vero best seller dell'eros
Storia di O di Pauline Réage: il vero best seller dell'eros
Storia di O di Pauline Réage: il vero best seller dell'eros

 
Scheda del libro
 

Autore: Pauline Réage (traduzione di A. D'Anna)
 
Titolo: Histoire d'O
 
Casa editrice: Bompiani
 
Anno: 2013
 
ISBN: 9788845273124
 
Pagine: 236
 
Formato: cartaceo; eBook
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
6 total ratings

 

Aspetti positivi


Scrittura impeccabile. Ottimo esempio di letteratura erotica capace di suscitare sentimenti contrastanti

Aspetti negativi


Sconsigliato per chi non ama scene troppo hot, troppo violente. E sconsigliato a femministe convinte.


In sintesi

Visto il successo della trilogia “Cinquanta sfumature” di E. L. James è bene tener presente dei classici sul tema, come Storia di O di Pauline Réage.

0
Posted 27 Agosto 2012 by

 
La nostra recensione
 
 

Storia di O di Pauline Réage: il vero best seller dell'erosProbabilmente chi conosce Storia di O, Pauline Réage (pseudonimo di Dominique Aury), penserà che mi sono bevuta un aperitivo alcolico a colazione: discutere – recensire è un termine troppo pretenzioso – di un testo del 1954 nel 2012 ha un che di romantico retrò. La motivazione è, in realtà, semplice: a mio avviso si è creata molta confusione sul genere romanzo erotico. Cinquanta sfumature di grigio, nero e rosso, sono riuscite a catturare l’attenzione di molte lettrici su un tema non assopito, ma celato dietro i tabù della vergogna.

Nonostante le (tante) critiche negative sulla stampa cartacea e online, la trilogia di E. L. James è ancora al primo posto in classifica: marketing ed eros è probabilmente un mix concentrato capace quanto meno di incuriosire. Tutti ne parlano, nel bene e nel male. Indipendentemente dal giudizio, però, il mondo di chi legge sta commettendo, a mio parere, un errore di valutazione, Cinquanta sfumature non è un romanzo che possiamo catalogare sotto la voce eros. È un romanzo rosa, sicuramente piccante, certamente la componente sesso è presente, ma l’argomento principale rimane, per la gioia delle lettrici, l’amore che trionfa sempre.

Storia di O, al contrario, è intriso di eros, molto forte.

In realtà non c’è alcuna somiglianza tra i due romanzi sopra citati, se non l’etichetta “eros”, il fatto che entrambi siano stati scritti da donne e infine la componente amore – chiara e limpida come il sole nel caso di Cinquanta sfumature, contorta e probabilmente definita da psicoanalisi dalle femministe in Storia di O.

Storia di O

O è una giovane e bella donna che ama a tal punto da accettare sevizie terrificanti dal suo amore, amore che condivide l’oggetto, O appunto, in diverse e ripetute occasioni. O non accetta per compiacere il suo amore, O è una schiava che non può rinunciare a pene e dolori della schiavitù. Non è un caso che il presentatore e prefatore di Storie di O fu Jean Paulhan, accademico di Francia:

Si è detto di un sogno proibito di una donna, generalizzabile, come proiezione del sogno di sottomissione, sacrificale, che la donna perpetua nell’atto di amare, fino al piacere di soffrire, al di là dello stesso masochismo (discusso ad esempio dallo stesso Paulhan) [dalla Postfazione di Vincenzo Accame della edizione Sonzogno].

O viene fustigata, crocifissa, incatenata, violentata, marchiata a fuoco, sodomizzata, prima dai frequentatori del castello di Roissy, luogo dall’atmosfera medioevale anche per le torture imposte, poi in altri territori misteriosi.

O tutto quello che fa lo fa “per amore”, per perdere l’amore dell’uomo che ama, per sentirsi amata da lui; e solo in un secondo tempo dell’amante non gliene importerà più nulla e prenderà gusto, per così dire, al gioco.

Se da un lato risulta difficile accettare che un tale romanzo, così violento e di difficile comprensione per chi ha un rapporto sano, o almeno ritenuto tale, con il sesso, sia stato scritto da una donna, dobbiamo però ricordare che non fu solo Jean Paulhan a considerare la donna vittima dell’amore: il tema amore/dolore al femminile viene ripreso in diverse forme e contenuti nel corso degli anni. Forse Storia di O è solo un approccio insolito.

Per tornare al paragone, Cinquanta sfumature di… è un romanzo con molto sesso, sesso normale se consideriamo che la famosa stanza dei giochi non viene in realtà usata, salvo un paio di manette e una maschera sugli occhi. Storia di O è tutto ciò che E. L. James non ha osato scrivere.

Un giardiniere apparve sul viale, spingendo una carriola. O sentì cigolare la ruota di ferro sulla ghiaia. Se si fosse avvicinato per spazzar via le foglie cadute fra gli asteri, la finestra era così grande e la stanza così piccola e chiara che avrebbe visto O incatenata e nuda e i segni di scudiscio sulle sue cosce. Gli sfregi si erano enfiati, e formavano sottili tumefazioni molto più scure del rosso delle pareti. Dove dormiva il suo amante, come amava dormire le mattine tranquille? In quale stanza, in quale letto? Sapeva a quale supplizio l’aveva abbandonata? Era stato lui a deciderlo? […] Non voleva morire, ma se il supplizio era il prezzo da pagare perché il suo amante continuasse ad amarla, desiderava soltanto che fosse contento che lei l’avesse subito, e attese, placida e muta, che la riportassero da lui.




Anna Fogarolo

 
Fotogiornalista per le maggiori testate italiane come Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Gente, Oggi, Focus... Dal 2009 sposta la sua attenzione sulle nuove tecnologie iniziando la carriera di Web content e blogger per alcuni noti portali e Network, successivamente si specializza come Social Media Manager. Attualmente: consulenza di Ufficio Stampa, Content & Community Manager, Web Relation e Digital PR per le Edizioni Centro Studi Erikson.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.