Random Article


Una storia al sapore di rosa

 
Tiziana Battisti – Barbara Cordoni
Tiziana Battisti – Barbara Cordoni
Tiziana Battisti – Barbara Cordoni

 
Scheda del libro
 

Autore: Tiziana Battisti – Barbara Cordoni
 
Titolo: Sapore di rosa
 
Casa editrice: Spunto
 
Anno: 2013
 
ISBN: 978-88-98580-00-2
 
Pagine: 150
 
Formato: cartaceo
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
13 total ratings

 

Aspetti positivi


È un romanzo impregnato di candore, quasi una fiaba che concede spazio alla leggerezza, un libro le cui pagine profumano di cucine vive e vissute, dove la morale della favola è “lotta sempre per ciò in cui credi, e credi sempre in ciò che ti detta il cuore”.

Aspetti negativi


Non è una storia per tutti, non per chi non è più capace di leggere una fiaba o di lasciarsi andare alla fantasia e al sogno. Può sembrare troppo ingenua, improbabile, ma quale sogno segreto non lo è?


In sintesi

Sapore di rosa (Spunto edizioni) è un delicato romanzo scritto a quattro mani esordienti Tiziana Battisti e Barbara Cordoni, amiche e colleghe.

3
Posted 12 Dicembre 2013 by

 
La nostra recensione
 
 

Tiziana Battisti – Barbara CordoniDi quante e quali storie siamo circondati, ogni giorno? C’è la nostra, quella di chi ci vive accanto, c’è la storia dei vicini o degli amici degli amici, quella che si nasconde dietro ogni finestra che si affaccia per le vie di ogni tempo e paese… Eppure non ci bastano mai e così, bisognosi di conoscerne ancora o di inventarne di nuove, leggiamo e scriviamo radiografando o modificando la realtà, rivestendola di nuovi connotati o “manipolandola” per concedere spazio alla nostra fantasia. Io direi che, in definitiva, la sete di storie che ci contraddistingue, non è altro che desiderio di sognare, non è vero? E, a proposito di ciò, oggi vi parliamo di Sapore di rosa, pubblicato da Spunto Edizioni, delicato romanzo scritto a quattro mani dalle esordienti Tiziana Battisti e Barbara Cordoni, amiche e colleghe (lavorano entrambe alla Rai) accomunate dalla passione per la letteratura e per la scrittura.

Se amate le storie semplici, dal sapore d’altri tempi, che profumano di cannella e sanno di buono, questo è un libro per voi. Ambientato nelle campagne toscane, tra borghi e paesaggi suggestivi, racconta l’incredibile storia di zia Rosa, custode di tutta una famiglia, piccola grande donna che supera le difficoltà causate dalla seconda guerra mondiale, ma anche quelle scaturite da “guerre” familiari di lunga data, antichi contrasti che si trascinano negli anni e sempre nascono da ottusità e orgoglio assai difficili da sedare.

La storia è ambientata ai nostri giorni, ma ci accompagna in una realtà che va più indietro nel tempo, laddove una spianatoia di legno di faggio poteva rendere poetico anche l’assemblare gli ingredienti di una torta, dove le bacche di rosa canina potevano essere utilizzate non solo per fare delle ottime marmellate, ma anche per intrecciare preziosi anelli di fidanzamento. Un tempo in cui, preparare una torta appunto, poteva essere paragonabile a una danza…

La farina partì con la sua coreografia personale, con salti brevi e leggeri. Via via, da dietro le quinte di quel magico teatro, uscirono le uova in fila indiana che a lei si mescolarono dapprima in un pas de deux, poi in una coreografia sempre più complessa a cui si aggiunsero altri danzatori: lo zucchero, che scese dall’alto con una difficile acrobazia, e poi il burro, che arrivò ad abbracciare tutti gli altri amalgamando quella danza in cui non c’erano più singoli ballerini ma un tutt’uno che si muoveva a ritmo perfetto.

E ancora, a conclusione di questa originale suggestione:

Vennero benedetti dal lievito che diede loro lo sprint per il gran finale a cui parteciparono anche le mele, a impreziosire la scena con il loro abito bianco…

Un raccontare con insolita poesia ciò che accade in una banalissima cucina, e un narrare l’evolversi degli avvenimenti con l’ausilio con un tocco fiabesco che tutto rende possibile: le torte della zia Rosa infatti, hanno il potere di risolvere situazioni, dissapori, incomprensioni, e ne beneficeranno la stessa anziana signora, ma anche le sue nipoti Alba e Aurora, in questa storia di donne appartenenti a diverse generazioni, e di amori che non muoiono mai.

Tra vin santo pepato, madie che custodiscono cibi genuini, bacche di vaniglia, e rosa canina, pane sciocco e torte che risolvono le cose, le due promettenti autrici ci regalano una storia delicata, leggera, ben costruita, che ci farà staccare la spina portando un po’ di zucchero a velo sul cuore.

Tiziana Battisti – Barbara Cordoni
Sapore di rosa
Spunto, 2013
ISBN 978-88-98580-00-2
pp 150, euro 12




Susanna Trossero

 
Susanna Trossero è nata a Cagliari e vive a Roma. Ha fatto della scrittura la sua principale occupazione. Ha pubblicato poesie, raccolte di racconti, romanzi, e sta lavorando ad altri progetti. È un’appassionata di racconti brevi.


3 Comments


  1.  
    Sara
     
     
     
     
     

    Nella vita non lasciare mai nulla di intentato, questo libro è stata una fonte di ispirazione. Grazie!




  2.  
    Barbara Cordoni

    Non è sempre facile credere fermamente che un sogno o un desiderio possano avverarsi.
    Ma il tempo e il destino, a volte, si alleano per far sì che la realtà superi l’immaginazione. E allora tutto diviene possibile. E’ proprio questo il dolce sapore che lascia in bocca la storia di Rosa.





Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.