Random Article


«Verde. Storie di un colore» secondo Manlio Brusatin

 
Manlio Brusatin Verde. Storie di un colore
Manlio Brusatin Verde. Storie di un colore
Manlio Brusatin Verde. Storie di un colore

 
Scheda del libro
 

Autore: Manlio Brusatin
 
Titolo: Verde. Storie di un colore
 
Casa editrice: Marsilio
 
Anno: 2013
 
ISBN: 978-88-317-1570-6
 
Pagine: pp. 144 (con 3 ill. b/n e 17 ill. a colori f.t.)
 
Formato: cartaceo
 
Genere: , ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
5 total ratings

 

Aspetti positivi


Un libro che vale la pena leggere e regalare. Un saggio curioso, pieno di informazioni e suggestioni, che non stanca mai. Il tono ironico, leggero, a tratti quasi da sognatore rende appetitosa la composizione.


In sintesi

Manlio Brusatin scrive una storia piena di passione, di sentimenti, di fantasie, di luoghi magici ed epoche lontane: quella del colore verde. Imperdibile.

0
Posted mercoledì, 24 Luglio 2013 by

 
La nostra recensione
 
 
Manlio Brusatin, Verde. Storie di un colore

Manlio Brusatin, Verde. Storie di un colore

Può un colore diventare il personaggio di un libro, al pari di un essere umano? Può la sua storia diventare avvincente quanto le gesta di un eroe? Nelle mani di Manlio Brusatin sì.

Verde. Storie di un colore non è un saggio piatto e infarcito di tecnicismi. È invece una storia piena di passione, di sentimenti, di fantasie, di luoghi magici ed epoche lontane.

Abituati come siamo ad associare il verde ai negozi bio, alle lampadine a basso consumo, ai nostri sogni bucolici di affranti cittadini, non ne cogliamo più le mille sfumature e significati.

Così Brusatin ci accompagna, come se fossimo Dante e lui Virgilio, alla scoperta del colore più presente al mondo. In eterna contrapposizione con il rosso, portatore di significati maggiori di quelli che noi tendiamo ad attribuirgli.

Il verde è il colore più diffuso in natura nonostante sia la mescolanza di due colori che stanno uno per la luce (il giallo) e l’altro per l’ombra (il blu). Verde è il contrario di rosso. Tutto il mondo sa che verde vuol dire “via libera” e il rosso “fermati”, ma non sa che tutto questo prima delle luci del semaforo è avvenuto con lo sventolamento di bandiere, prima in mare che in terra.

Brusatin sa come avvincere il lettore e come tenere desta la sua attenzione. Storia, geografia, filosofia, letteratura, arte, design, persino politica: questo libro è un toccasana per chi ha voglia di leggere un saggio che gli apra la mente, lo incuriosisca e lo diverta al tempo stesso.

Un libro che sarà amato soprattutto da chi, come me, vive in una parte d’Italia che spesso è troppo grigia, anche per via di un clima non sempre esaltante. Il verde che non possiamo goderci nei parchi e nelle passeggiate lo ritroviamo fortunatamente tra queste pagine e in questo narrare piacevole e intelligente.

Artù in abiti regali azzurri, armato di falcione, è davanti alla regina Ginevra vestita di verde. In basso è la scena del Cavaliere verde nell’attimo in cui gli salta la testa con un getto di sangue che schizza da questa e dal tronco e sulla destra appiedato, casacca rossa e brache verdi, sta il cavaliere Gawain […]




Mariantonietta Barbara

 
Autrice per il web, scrittrice, editor. Ha collaborato con diverse testate nazionali di nanopublishing. Si è occupata di blogging e web strategy per piccole aziende. Leggere, scrivere e perdersi nelle serie tv sono le sue grandi passioni.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.